rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Il ricordo / Belgio

"Chi usa la Stella ebraica per definirsi vittima abusa della memoria dell'Olocausto"

L'intervento al Parlamento Ue di Margot Friedlander, centenaria tedesca sopravvissuta ai campi di concentramento

La cosiddetta "Stella ebraica" è "usata spudoratamente oggi dai nuovi nemici della democrazia per designarsi in pubblico - e nel mezzo di una democrazia - come vittime. In un giorno come oggi, dobbiamo stare uniti affinché la memoria dell'Olocausto rimanga vera e non venga abusata da nessuno". Lo ha detto Margot Friedlander, 101 anni, attivista tedesca sopravvissuta all'Olocausto, che oggi è intervenuta alla Giornata della memoria sull'Olocausto organizzata dal Parlamento europeo a Bruxelles.

Friedlander ha parlato di come sua madre e suo fratello sono stati uccisi ad Auschwitz e di come lei stessa è stata catturata e deportata nel campo di concentramento di Theresienstadt, dove ha assistito a sofferenze indescrivibili. Ha raccontato della sua fuga negli Stati Uniti appena finita la guerra e di essere tornata a Berlino da New York solo all'età di 88 anni. Ora viaggia in giro per la Germania per incontrare gli alunni, ai quali chiede di diventare testimoni degli orrori dell'Olocausto poiché lei e i suoi compagni sopravvissuti non potranno farlo ancora per molro. "Siate umani. Le persone hanno fatto quello che hanno fatto perché non hanno riconosciuto le persone come persone”, ha detto. “Non puoi amare tutte le persone, ma tutti meritano di essere rispettati. Non c'è sangue cristiano, non c'è sangue ebraico, non c'è sangue musulmano, c'è solo sangue umano. Siamo tutti uguali. Quello che è successo, è successo - non possiamo più cambiarlo. Ma non deve accadere mai più ".

In un passaggio del suo intervento, Friedlander è sembrata fare riferimento alle polemiche di queste giorni nei confronti di diversi attivisti anti misure Covid e no-vax che, negli Usa come in Europa, hanno fatto paralleli tra le politiche sanitarie adottate durante la pandemia e il periodo nazista. La memoria dell'Olocausto è “abusata politicamente, a volte persino ridicolizzata e calpestata”, ha detto. La cosiddetta "Stella ebraica", ha detto, è "usata spudoratamente oggi dai nuovi nemici della democrazia per designarsi in pubblico - e nel mezzo di una democrazia! - come vittime. In un giorno come oggi, dobbiamo stare uniti affinché la memoria dell'Olocausto rimanga vera e non venga abusata da nessuno".

Friedlander ha concluso il suo intervento invitando le persone a essere “vigili e a non distogliere lo sguardo come facevamo allora. L'odio, il razzismo, l'antisemitismo non devono essere l'ultima parola della storia. Trattare le persone come esseri umani, indipendentemente dal colore della pelle, dalla religione o dall'etnia, è particolarmente vero oggi. L'umanità, la tolleranza e il rispetto sono più importanti che mai per una pacifica convivenza. Questo è il mio augurio in questo importante giorno di commemorazione e ricordo, per il mondo, per l'Europa e per tutti noi”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Chi usa la Stella ebraica per definirsi vittima abusa della memoria dell'Olocausto"

Today è in caricamento