rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Il risultato / Slovenia

Anche la Slovenia sceglie l'Europa, vince l'outsider Robert Golob

Elle elezioni sconfitto il populista di destra destra Janez Jansa, starà ora al leader degli ecologisti liberali il compito di provare a formare un governo: "I cittadini hanno scelto il cambiamento"

La Slovenia vira a sinistra e in direzione dell'Europa. Nelle elezioni di questo weekend, che si sono svolte in contemporanea con quelle francesi in cui ha vinto Emmanuel Macron, il premier uscente, il populista di destra Janez Jansa, è stato sconfitto dall'outsider Robert Golob leader di un nuovo partito ecologista e liberale, il Movimento per la libertà, di cui ha preso le redini lo scorso gennaio. La sua formazione politica ha conquistato il 34 per cento dei voti e 40 seggi sui 90 del Parlamento di Lubiana, contro il 24 per cento e 28 seggi del Partito democratico sloveno di Jansa. Entrano all'Assemblea nazionale anche i conservatori di Nova Slovenija (NSi), con il 6,9% dei voti e 8 deputati, i Socialdemocratici (SD) con 6,7% e 7 deputati, e Sinistra (Levica) che supera di poco la soglia di sbarramento del 4% e raccoglie 5 deputati. Molto alta l'affluenza, che si avvicina al 70%, di gran lunga superiore al 52,6% delle elezioni del 2018 e vicina ai dati delle prime elezioni della Slovenia indipendente.

Il 55enne Golob ha promesso di restituire la "libertà" al suo Paese, dopo il burrascoso mandato del conservatore Jansa, ma non ha potuto lui stesso godere la libertà di festeggiare coi suoi sostenitori essendo in isolamento a causa del Covid-19. "Le persone vogliono il cambiamento e si fidano di noi", ha detto in un discorso pronunciato da casa sua l'imprenditore, esperto di energia solare, entrato nella competizione solo pochi mesi fa nella piccola nazione di 2 milioni di abitanti.

Nato il 23 gennaio 1967, ha studiato negli Stati Uniti nell'ambito del prestigioso programma di borse di studio Fulbright, all'inizio degli anni Duemila era stato Segretario di Stato per l'Energia ma ma ha rapidamente cambiato rotta e ha fondato la sua compagnia energetica nel 2002. Durante la campagna elettorale ha viaggiato in tutto il Paese a bordo di un autobus, ed è stato molto apprezzato per il suo tono misurato in contrasto con la personalità divisiva del suo rivale, e ha differenza del suo rivale ha evitato Twitter preferendo Facebook o Instagram. "Sarà un piccolo passo per la democrazia, ma un grande passo per la Slovenia", ha detto per spiegare la sua decisione.

Durante la campagna, è stato criticato per il suo stipendio alto (196mila euro all'anno, più di dieci volte lo stipendio medio sloveno), ma questo non ha intaccato più di tanto la sua popolarità. Il candidato ha anche promesso di ripristinare i rapporti con la Commissione europea, che negli ultimi anni non sono stati idilliaci con Jansa che ha preferito coltivare la vicinanza con il leader nazionalista ungherese Viktor Orban.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche la Slovenia sceglie l'Europa, vince l'outsider Robert Golob

Today è in caricamento