rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
La denuncia / Ucraina

"Qui sfruttano e senza raccomandazione non lavori", e i profughi ucraini lasciano l'Italia

Molti denunciano condizioni di lavoro inaccettabili, altri, anche medici, sostengono che senza una referenza è impossibile trovare impiego e così cercano fortuna in Paesi come la Germania

Erano venuti in Italia per scappare dalla guerra, ma la vita da noi, per quanto piacevole per clima, bellezza del territorio e cibo, è stata un inferno dal punto di vista lavorativo. Per questo tantissimi profughi ucraini stanno lasciando il nostro Paese per dirigersi in nazioni come la Germania o l'Olanda, dove sperano sarà più semplice trovare un'occupazione decente. "L'alloggio è gratis, per tre mesi abbiamo anche ricevuto dei sussidi di 300 euro per ogni adulto e 150 per ogni bambino. Ma non ci sono più pagamenti, e i proprietari di casa ci fanno capire ce è ora di andar via”, ha raccontato Daria di Kiev, al giornale online Strana.ua, che racconta la vita degli ucraini all'estero.

“È davvero brutto lavorare qui, ti fanno raccogliere ciliegie per sei euro l'ora. Un lavoro infernale per 10 ore al giorno e un giorno libero al mese. Per questo non siamo durati a lungo, non accettano neanche i nostri bambini a scuola, dicono che non ci sono posti, quindi andremo in Germania, dove c'è un supporto sociale molto migliore ed è più facile con il lavoro e le scuole", ha continuato la donna che vive con i suoi figli e un'amica nella periferia di Bari, in Puglia. Elena, nonostante non sia il suo settore, ha raccontato di essere riuscita a trovare lavoro come guida accompagnando gruppi di lingua inglese in gite in barca vicino alla località turistica di Polignano. "Lavoro 10 ore al giorno, con un giorno libero alla settimana, e uno stipendio di mille euro al mese. Ma la stagione turistica finirà presto e non è chiaro cosa farò dopo", ha detto preoccupata.

Come spiega la testata grandi difficoltà lavorative sono state trovate anche per i nostri medici, ai quali il governo aveva offerto ottime condizioni dall'inizio della guerra, facilitando il riconoscimento dei loro titoli di studio. Ma in pochi sono riusciti poi a trovare un impiego, anche proponendo di accettare salari più bassi della media, e alcuni non sarebbero neanche riusciti a fare stage gratuiti. Veronica, residente a Kiev, ha cercato di trovare un lavoro per tre mesi, ma finora senza molto successo. "C'è bisogno di un buon italiano, qui la conoscenza dell'inglese è pessima, pochi anche tra i medici lo parlano. Ma la cosa principale sono le raccomandazioni. Senza non vieni assunto, nonostante la tua esperienza", ha detto al giornale Veronika. "Nonostante abbia confermato la mia laurea e imparato la lingua, nessuna clinica voleva farmi lavorare. E solo quando ho ricevuto una referenza da uno dei medici, sono stato presa in una clinica dove mi avevano precedentemente rifiutato. Questa è la specificità qui: le persone sono assunte principalmente da conoscenti, e questo non vale solo per la medicina ", ha dettola dottoressa Nadezhda.

Oksana, residente a Vinnitsa, ha raccontato alla testata di lavorare da molto tempo come badante in un piccolo paese vicino a Venezia. Ha spiegato che per ottenere un lavoro serve la lingua e una referenza. "Ma la cosa principale è la raccomandazione, la lingua può essere migliorata. Ma non assumono nessuno, per qualsiasi lavoro, dalla strada. Ma se uno degli ucraini si è già sistemato, si è dimostrato bravo, allora può sponsorizzare un suo connazionale, il passaparola qui funziona bene. Se lavori 24 ore su 24 con pazienti allettati, puoi chiedere 1.200 o anche 1.500 più vitto e alloggio gratuito. Se la persona è invece più o meno indipendente pagano 600-800 euro al mese”, ha affermato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Qui sfruttano e senza raccomandazione non lavori", e i profughi ucraini lasciano l'Italia

Today è in caricamento