menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 EPA/IAN LANGSDON

EPA/IAN LANGSDON

Il Paese che sta eliminando i senzatetto. Chiudendo i ricoveri

I clochard sono aumentati in tutta l'Unione europea. Tranne in Finlandia, dove nel giro di 8 anni sono quasi dimezzati. Ecco come hanno fatto

Sono nel 2017, il Regno Unito ha visto aumentare il numero di senzatetto del 7%. In Germania, negli ultimi due anni, si è registrato un aumento del 35%. E il trend nel resto d'Europa è stato più o meno identico. Tranne che in un paese, la Finlandia. 

La ripresa c'entra poco, dal momento che altri Stati membri hanno avuto crescite del Pil maggiori ma non una riduzione della povertà estrema. Quello che è successo dalle parti di Helsinki è che il governo, a un certo punto, ha pensato bene di far fronte al problema con un metodo semplice e innovativo: dare ai senzatetto una casa prima di qualsiasi altro sostegno.

Housing first

Ci possono essere diverse ragioni per cui qualcuno finisce per essere senzatetto, compresa la perdita improvvisa del lavoro o la disgregazione della famiglia, l'abuso di sostanze stupefacenti o problemi di salute mentale. Ma la maggior parte delle politiche sui senzatetto funzionano sulla premessa che il senzatetto deve risolvere i problemi prima di poter ottenere un alloggio permanente. La Finlandia fa il contrario: dà loro una casa prima.

Lo schema, introdotto nel 2007, si chiama Housing First. È costruito sul principio che avere una casa permanente può rendere molto più facile risolvere problemi di salute e sociali.

I senzatetto ricevono un alloggio permanente in leasing: un appartamento indipendente o una residena con supporto 24 ore su 24. Gli inquilini pagano l'affitto e hanno diritto a ricevere prestazioni abitative. A seconda del loro reddito, possono contribuire al costo dei servizi di supporto che ricevono. Il resto è coperto dal governo locale. Da quando è iniziato lo schema, ne hanno beneficiato a migliaia.

Supporto costante

“Nello stesso momento in cui ricevono una casa, i senzatetto ricevono servizi di assistenza personalizzati – si legga sul Guardian - Ad esempio, chiunque può prenotare un appuntamento con un consulente immobiliare e ricevere consigli su come pagare l'affitto o chiedere altri sussidi governativi”. Ci sono anche servizi di consulenza finanziari se si vuole richiedere un prestito.

Housing First si basa sul coinvolgimento di più attori: lo Stato, i volontari, i Comuni e le ong.

Basta ricoveri per clochard

La carenza cronica di alloggi contribuisce al problema dei senzatetto. In Finlandia, aumentare l'offerta di alloggi in affitto a prezzi accessibili è stata una parte fondamentale dell'approccio. La Finlandia ha utilizzato i suoi alloggi sociali esistenti, ma ha anche acquistato appartamenti dal mercato privato e costruito nuovi blocchi abitativi.

Non ci sono più ricoveri per senzatetto in Finlandia. Sono stati tutti trasformati in alloggi supportati. "Tutto questo costa molto", ammette il responsabile di una ong impegnata nel programma. "Ma è sempre più conveniente porre fine al fenomento dei senzatetto invece di cercare semplicemente di gestirlo. Gli investimenti per porre fine al problema dei senzatetto sono sempre remunerativi, per non parlare delle ragioni umane ed etiche”. Secondo i calcoli delle stesse ong, ogni senzatetto “accasato” puo' comportare risparmi complessivi alle casse pubbliche fino a 9.600 euro all'anno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento