Scontri in Francia, Ue: “Chiediamo moderazione a polizia e manifestanti”

La Commissione interviene sulla gestione dell’ordine pubblico durante le proteste contro Macron e ricorda “il diritto e il dovere della stampa di raccontare queste iniziative”. Cambio di passo per Bruxelles, che in passato non commentava le vicende interne

Scontri a Parigi, foto di Giovanni Pizzocolo

Trasporti pubblici paralizzati in Francia, dove la protesta contro la riforma delle pensioni del Governo di Parigi ha coinvolto anche ospedali e scuole. Persino i vigili del fuoco hanno preso parte alla mobilitazione nazionale contro il progetto di Emmanuel Macron di archiviare decine di piani di previdenza per sostituirli con un “sistema a punti”, ritenuto “più giusto” dall’Eliseo. Ma a interessare l’Europa, più che i dettagli della riforma delle pensioni, sono le tensioni in piazza tra forze dell’ordine e manifestanti. Solo due giorni fa, polizia e black bloc si sono scontrati per le vie di Parigi.

La reazione della Commissione

“Ovviamente, quando ci sono delle manifestazioni chiediamo moderazione da entrambe le parti”, ha commentato il portavoce della Commissione, Eric Mamer. “È importante - prosegue l'addetto stampa dell’Esecutivo Ue - che chi manifesta possa farlo pacificamente comunicando le proprie opinioni”. L’intervento della Commissione segna un cambio di passo importante rispetto alla precedente legislatura Ue.  

"No comment"

Nei cinque anni della presidenza di Jean-Claude Juncker vari osservatori hanno spesso denunciato la riluttanza della Commissione a commentare la gestione dell’ordine pubblico all’interno degli Stati. Caso di scuola è la situazione in Catalogna, sulla quale Palazzo Berlaymont rifiutava sistematicamente di rilasciare dichiarazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giornalisti feriti e il diritto a manifestare

“La Commissione europea rispetta sia il diritto delle persone a manifestare, sia il diritto e il dovere della stampa di raccontare queste iniziative”, ha invece dichiarato Mamer in relazione al ferimento di alcuni giornalisti durante gli scontri. Il portavoce francese della Commissione ha aggiunto: “Allo stesso tempo capiamo che la polizia abbia un ruolo da svolgere nel fare in modo che le manifestazioni si svolgano in maniera pacifica”. Si è quindi detto convinto che gli Stati membri “dispongono di tutte le procedure per gestire tali problematiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Nuovi lockdown a Madrid, a Marsiglia terapie intensive piene. In Ue avanza la seconda ondata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento