menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tre donne in cerca della loro famiglia naturale, al centro Widya Astuti Boerma

Tre donne in cerca della loro famiglia naturale, al centro Widya Astuti Boerma

Bambini sottratti alle famiglie o comprati, scandalo in Olanda che stoppa le adozioni internazionali

Una commissione d'inchiesta ha portato alla luce la pratica che è durata dal 1967 al 1998 e che si teme possa avvenire tuttora. "Alcuni governi sapevano e non hanno parlato"

Per anni i bambini adottati da famiglie olandesi da ex colonie del Paese come l'Indonesia e altre nazioni del mondo, provenivano da famiglie a cui erano stati comprati o addirittura sottratti con la forza. I piccoli venivano poi in molti casi portati in Europa con documenti falsi per nascondere il crimine.

L'inchiesta

Oggi l'Olanda ha deciso di fare pubblicamente i conti con il suo passato e rendere pubblica un'inchiesta governativa che ha svelato un giro di abusi e ricatti legati all'adozione di bambini da Bangladesh, Brasile, Colombia, Indonesia e Sri Lanka che è durata almeno dal 1967 al 1998. In seguito alla pubblicazione del dossier il governo ha anche di sposto lo stop immediato a tutte le adozioni internazionali, per assicurarsi che il fenomeno non sia ancora in atto. Cosa ancora più grave, secondo quanto dichiarato dal ministro per la Protezione legale, Sander Dekker, diversi governi del passato erano a conoscenza dei fatti, ma nessuno è mai intervenuto. La commissione investigativa incaricata di fare luce sulla cosa ha scoperto che funzionari dell'esecutivo olandese erano a conoscenza di illeciti e che alcuni erano direttamente coinvolti, sebbene non abbia trovato prove di corruzione. ''I nostri funzionari hanno fallito distogliendo lo sguardo dagli abusi per anni”, ha ammesso Dekker, secondo cui “il governo non ha fatto quello che è lecito aspettarsi”, in quanto “avrebbe dovuto assumere un ruolo più attivo nella prevenzione degli illeciti, e questa è un'osservazione dolorosa”. Per questo l'esponente del governo ha porto le scuse da parte della nazione a tutti gli adottati.

La ricerca della famiglia

Come racconta la Bbc Widya Astuti Boerma, adottata all'età di cinque anni, ha passato decenni a cercare i suoi genitori ma con scarsi risultati perché i suoi documenti di adozione si sono rivelati falsi. La ricerca è stata quindi molto difficile e due test del Dna con donne che cedeva potessero essere la sua madre naturale sono risultati negativi. "Quello di cui do la colpa al governo olandese è il fatto che ai miei genitori adottivi non è mai stato detto quello che è successo. Non è mai stato detto loro che c'era la possibilità che potessi essere vittima di traffico di bambini o che i miei documenti fossero falsi", ha detto, spiegando che ora "i miei genitori adottivi si sentono davvero in colpa perché potrebbero aver sottratto un figlio da una madre in Indonesia, cosa che non era mai stata loro intenzione". Secondo la donna l'adozione internazionale in Olanda “si basa ancora su una procedura di incentivi economici e questo promuove il traffico di esseri umani”, questo perché “l'adozione internazionale è ancora focalizzata sui genitori adottivi che cercano un bambino, mentre dovrebbe essere esattamente il contrario''. Secondo il comitato investigativo, gli illeciti non si limiterebbero al periodo 1967-1998, su cui si è incentrata l'indagine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento