Lo Stato sovvenzione l'alloggio alla moglie, in Grecia si dimette il ministro all'Economia

Dimitri Papadimitriou lascia il posto di ministro dell'Economia e lo Sviluppo dopo il licenziamento della moglie, Segretaria di Stato al lavoro. Aveva chiesto una sovvenzione di 23 mila euro, legittima per la legge ma non per il buon gusto in un paese martoriato dalla crisi

EPA/YANNIS KOLESIDIS

Problemi di economia domestica per il ministro greco dell'Economia Dimitri Papadimitriou. Il titolare del dicastero chiave nel governo di Alexis Tsipras rimane invischiato nello scandalo che ha portato al licenziamento di sua moglie Rania Antonopoulos, dal 2015 Segretaria di Stato per il lavoro nello stesso esecutivo di sinistra, e rassegna le dimissioni.

Le sovvenzioni da 23 mila euro per l'alloggio

Rania Antonopoulos, una volta nominata al governo, aveva chiesto la sovvenzione di 1.000 euro al mese che spetta a chi copre la sua carica per l'alloggio. In totale la moglie del ministro ha ottenuto 23 mila euro dallo Stato per pagare l'affitto ad Atene, una cosa consentita dalle leggi, ma non dal buon gusto in un paese in cui la grande maggioranza della popolazione ha tirato la cinghia fino a limiti estremi per via della crisi.

E i redditi benestanti

La coppia estremamente benestante, risiede negli Stati Uniti, o, almeno, risiedeva prima di intraprendere l'attività di governo, lei nel gennaio 2015, il marito nel novembre 2016. E non solo: la moglie aveva dichiarato nel 2015 un portafoglio azionario di 340.000 dollari e un reddito annuo di 70.000 dollari, lui un portafoglio di circa 2,7 mld di dollari e un reddito di oltre 450 mila dollari. Cifre sufficienti a far scattare lo scandalo, amplificato dal fatto che al governo ci sia un partito, quel Syriza di Tsipras, nato nell'estrema sinistra e catapultato al potere dalla crisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non ho mai voluto insultare il popolo greco"

Il caso dell'indennità di alloggio è stato sollevato la settimana scorsa dal quotidiano dell'opposizione Eleftheros Typos. "Non ho mai voluto intenzione di insultare il popolo greco", ha affermato Antonopoulos in una dichiarazione. Si prevede che restituisca i soldi, tanto non dovrebbe essere un gran problema per la coppia. Licenziata lei, dimesso lui, potranno tornare negli States a dirigere il Levy Economics Institute del Bard College di New York. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento