rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Il caso

"Lurido maiale": eurodeputato tedesco insulta Sassoli. Poi le scuse

Le dichiarazioni di Nicolaus Fest, che al Parlamento Ue siede tra i banchi di Identità e democrazia, il gruppo guidato dalla Lega. Zanni: "Prenderemo provvedimenti"

"Finalmente, quel lurido maiale se n'è andato". Così Nicolaus Fest, eurodeputato tedesco dell'AfD, partito di ultradestra che al Parlamento Ue è tra gli alleati della Lega di Matteo Salvini, ha commentato la morte di David Sassoli, il presidente dell'Eurocamera che si è spento nella notte tra il 10 e l'11 gennaio a causa di malattia. Parole scritte in una chat Whatsapp con colleghi del paryito, ma recuperate dall'emittente Ard e rese pubbliche. Faust non ha smentito l'insulto. E dopo aver cercato di difendersi sui social (venendo duramente criticato anche dai vertici del partito e dalla stessa Lega a Bruxelles), ha affidato a una nota le sue scuse.

L'insulto

"Finalmente, quel lurido maiale se n'è andato", ha scritto l'eurodeputato, che fa parte del gruppo Identità e democrazia. "Un antidemocratico, una vergogna per qualsiasi idea parlamentare", ha aggiunto Faust. Il parlamentare dell'AfD non ha smentito queste dichiarazioni, ma in un post su Facebook ha provato a giustificarsi alludendo ad alcuni presunti errori commessi da Sassoli durante il suo mandato di presidente dell'Eurocamera, e criticando l'ondata di messaggi d'affetto arrivati all'ex giornalista italiano da tutte le forze politiche, AfD compresa. 

Già, perché nel suo messaggio ufficiale, il partito aveva scritto che Sassoli "è morto troppo presto". E quando la notizia delle parole di Fest è diventata pubblica, i vertici di AfD e quelli di Identità e democrazia, il gruppo parlamentare europeo guidato dalla Lega, lo hanno duramente criticato. "Una tale affermazione su un collega che è appena morto dopo una grave malattia è inquietante, profondamente ripugnante e imperdonabile", ha detto l'eurodeputato dell'AfD Jorg Meuthen . "A nome del gruppo Identità e Democrazia, condanno fermamente le gravi e inaccettabili affermazione fatte dall’eurodeputato Nicolaus Fest sulla scomparsa di David Sassoli - ha dichiarato Marco Zanni, esponente della Lega e presidente di Identità e democrazia - Si tratta di toni e di affermazioni che non ci appartengono e che violano i principi e lo statuto del nostro gruppo: saranno proposte azioni disciplinari nel prossimo bureau” del gruppo.

Le scuse

Forse anche a seguito di queste prese di distanza, Fest alla fine si è scusato. In una nota, l'eurodeputato dichiara: "Le mie parole sulla morte di David Sassoli sono state inappropriate. Mi dispiace. Se fosse ancora vivo, gli chiederei scusa". 

Articolo aggiornato alle 19:52

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lurido maiale": eurodeputato tedesco insulta Sassoli. Poi le scuse

Today è in caricamento