rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Guerra in Ucraina

Sanzioni alla Russia: l'Ue colpirà chi rapisce i bambini ucraini e procura droni a Mosca

Von der Leyen annuncia il nono pacchetto di misure per "mordere" il Cremlino

Colpire i responsabili del rapimento di bambini, privare Mosca di droni e penalizzare le banche russe. Le misure contenute nel nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia, il nono dall'inizio della guerra in Ucraina, sono state annunciate dalla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen. Bruxelles è convinta che "gli otto pacchetti di sanzioni introdotti finora stiano già 'mordendo' forte" il Cremlino, ha detto la presidente. Tuttavia, Mosca "continua a portare morte e devastazione in Ucraina". Di qui le nuove misure proposte dalla Commissione e ora al vaglio dei governi nazionali. 

Sanzioni a chi rapisce i bambini

"In primo luogo - ha annunciato von der Leyen - proponiamo di aggiungere quasi 200 persone ed entità al nostro elenco di sanzioni". Le misure individuali andranno a colpire "singoli ufficiali e società industriali della difesa" ma anche politici russi non ancora sanzionati. "Questo elenco comprende figure chiave negli attacchi missilistici brutali e deliberati della Russia contro i civili, nel rapimento di bambini ucraini in Russia e nel furto di prodotti agricoli ucraini", ha precisato la presidente. il capo della diplomazia Ue, Josep Borrell, definendo "disumano e illegale" il rapimento di minori ucraini "e la conseguente adozione in Russia", ha ribadito la determinazione di Bruxelles a sanzionare questo crimine.

Banche e transazioni

Le prossime sanzioni andranno a colpire anche "altre tre banche russe", e includeranno un divieto totale di transazioni alla Banca di sviluppo regionale russa "per paralizzare ulteriormente i bancomat di Putin", ha sottolineato von der Leyen.

Quella di Parigi non sarà una conferenza "di pace" per l'Ucraina

Anche Teheran nel mirino

In terzo luogo, ha proseguito, "vogliamo imporre nuovi controlli e restrizioni sulle esportazioni, in particolare per i beni a duplice uso", ovvero civile e militare. La Commissione mira a privare l'esercito russo di "sostanze chimiche chiave, agenti nervini, elettronica e componenti di IT che potrebbero essere utilizzati dalla macchina bellica russa". Bruxelles ha proposto anche di "tagliere l'accesso della Russia a tutti i tipi di droni e veicoli aerei senza pilota". Per questo si propone di "vietare le esportazioni dirette di motori per droni in Russia e l'esportazione verso Paesi terzi, come l'Iran, che potrebbero fornire droni alla Russia". Quest'ultima mossa rappresenta di fatto una nuova sanzione a Teheran dopo le prime misure restrittive applicate dall'Ue per rispondere alla repressione delle proteste dei giovani iraniani. 

Canali russi oscurati nell'Ue

Le prossime sanzioni Ue prenderanno di mira anche "la macchina della propaganda russa" oscurando "altri quattro canali e tutte le altre piattaforme di distribuzione", ha detto von der Leyen senza precisare quali media subiranno lo stop alle trasmissioni nell'Ue. "Proponiamo ulteriori misure economiche contro il settore energetico e minerario russo, compreso il divieto di nuovi investimenti minerari in Russia", ha aggiunto la presidente che non ha precisato se il settore dei diamanti - caro soprattutto al Belgio - verrà toccato dalle nuove misure. "Questo pacchetto si aggiunge al divieto totale di importazione dell'Ue sul petrolio russo trasportato via mare entrato in vigore questa settimana", ha concluso von der Leyen.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanzioni alla Russia: l'Ue colpirà chi rapisce i bambini ucraini e procura droni a Mosca

Today è in caricamento