L’Ue vuole bypassare Salvini: fondi diretti agli enti locali che accolgono migranti

Al Parlamento europeo passa un emendamento del Pd che stabilisce che le amministrazioni che offrono sostegno umanitario potranno chiedere finanziamenti comunitari senza passare per i ministeri

All’indomani dell’approvazione all’unanimità del Decreto sicurezza presentato da Matteo Salvini in Consiglio dei ministri, il gruppo del Partito democratico in Parlamento europeo esulta per il passaggio in commissione Bilancio di una loro proposta che punta a mitigare gli effetti del decreto. I deputati europei vogliono permettere a Comuni e Regioni che accolgono migranti di ricevere fondi europei senza dover fare domanda ai ministeri. Si tratta dei fondi gestiti dal Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar) che finanzia interventi di “accoglienza mirata” che vanno oltre la semplice distribuzione di vitto e alloggio. 

Regioni e Comuni diventano autonomi

“Fino ad oggi i fondi per lo Sprar venivano richiesti dagli Stati”, ha spiegato l’eurodeputato Pd Daniele Viotti, che ha presentato l’emendamento, “ma visto che Salvini vuole abolire la protezione, cosa che considero anticostituzionale, daremo possibilità alle regioni e ai comuni di chiedere direttamente le risorse per progetti specifici”.  Nel solo mese di luglio lo Sprar ha finanziato 877 progetti in Italia coinvolgendo oltre 1.200 amministrazioni comunali nell’accoglienza di 35.881 migranti tra cui vi sono 734 persone con disagio mentale o disabilità e 3.500 minori non accompagnati.  L’emendamento presentato da Viotti, che è anche relatore dell’intero bilancio europeo per il 2019, è stato votato a larga maggioranza.

Gli altri provvedimenti

Tra gli altri provvedimenti presi in materia di immigrazione, la commissione dell’Eurocamera ha aumentato di 147,5 milioni i fondi per la cooperazione e lo sviluppo, di 146 milioni le spese per paesi “vicini” dell’Ue, di 53 milioni il supporto per i Balcani occidentali e di 33 milioni i fondi per la migrazione e l’integrazione.  La votazione finale in Parlamento europeo della bozza di bilancio è prevista per 24 ottobre. Nelle tre settimane successive, si dovrà trovare un accordo col Consiglio, che rappresenta la volontà dei singoli Paesi membri.  L’approvazione definitiva del bilancio 2019 arriverà solo a fine novembre.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Le cricche immigrazioniste non molleranno facilmente l'osso succulento...

  • Con questo assurdo provvedimento, che mi sa tanto di vendita delle Vacche, la UE non vuole bypassare il Ministro della Repubblica Italiana Matteo Salvini, bensì l’intero Popolo italiano. Dovrebbe insorgere tutto il Parlamento a difesa della nostra sovranità, messa in pericolo da questi “signori”!

  • mai una volta che facessero qualcosa per gli italiani.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Elezioni, altro che ondata “nera”: dal Belgio alla Germania avanzano i Verdi

  • Multimedia

    Tg Europa Today: quanto ci costa il Parlamento Ue?

  • Attualità

    L'autogol del poster sui migranti con donna velata: "È islamofobo”. E il Parlamento lo ritira

  • Lavoro

    Sgravi fiscali e prestiti agevolati per le Pmi colpite dai ritardi nei pagamenti della PA

I più letti della settimana

  • Partite truccate e compravendite calciatori: scoppia la "Calciopoli europea"

  • Vuoi diventare padre? Bevi tanto caffè

  • Auto diesel, governo: "Al lavoro per risolvere problema Euro 3"

  • Vaccini difettosi, Pechino reprime la protesta delle vittime: attivista scomparsa da 40 giorni

  • In vigore i nuovi test sulle auto, a settembre immatricolazioni in caduta libera

  • Ue a Salvini: "Noi nemici? In Italia creato 1 milione di posti di lavoro"

Torna su
EuropaToday è in caricamento