Elezioni, Salvini e Di Maio leader in Europa per attivismo sui social

La Lega prima assoluta per post su Facebook, con il quadruplo dei contenuti delle altre formazioni politiche. Pentastellati secondi in classifica, seguiti dal partito britannico Ukip. Primato del M5s nelle interazioni con gli utenti

Una politica sempre più social, con un fiume di contenuti disponibili online senza bisogno di accendere la TV e nemmeno leggere i siti web dei giornali. La strategia comunicativa delle forze politiche di governo in Italia ha decisamente virato verso la propaganda tramite piattaforme di condivisione, quali Facebook, Instagram e Twitter. Tanto che i sette account dei principali partiti in corsa alle elezioni europee di fine maggio hanno condiviso, durante il mese della campagna elettorale, ben 3.821 contenuti, quasi il doppio di quanto hanno postato i politici portoghesi, secondi in classifica con 1.967 contenuti. È quanto emerge dal rapporto sul monitoraggio della campagna elettorale europea 2019 realizzato dal progetto 'Platform Europe', coordinato dall'Università Roma Tre e cofinanziato dal Parlamento europeo.

Il tamburo della campagna elettorale batte molto più forte in Italia che negli altri Paesi Ue. La competizione politica che si è giocata nell'arena dei social - afferma lo studio - ha raggiunto la cifra record di 42,8% dei post concentrati sulla campagna elettorale. Un fenomeno decisamente più marcato nel Sud Europa, dove sono stati condivisi in totale 11.360 post “politici”, che nel resto dell'Unione (fra i 4.100 e i 5.400 post, a seconda dell'area di riferimento).

La Lega è la regina dei social in Europa. Durante l’ultima campagna elettorale ha caricato 2.214 post, quasi il quadruplo di quanto abbia fatto qualsiasi altro partito in Ue. Ma la pagina ufficiale del Carroccio “posta molti meno contenuti della pagina ufficiale di Matteo Salvini”, spiega il professore Edoardo Novelli, coordinatore del progetto. La mole effettiva di pubblicità messa online dal Carroccio andrebbe quindi stimata al rialzo. 

Secondo in classifica è il Movimento 5 Stelle con 620 post, seguito dal partito britannico anti-Ue Ukip (564 post). Guardando invece al tasso di coinvolgimento degli utenti sui social arrivano primi i pentastellati con oltre 1,7 milioni di interazioni su Facebook. Si ferma a circa la metà la Lega (666mila interazioni), arrivando quarta nella classifica Ue. Secondo in Europa è il partito Fidesz del premier ungherese Viktor Orban (702mila interazioni), mentre il Brexit Party di Nigel Farage arriva terzo con 684mila interazioni con gli utenti. 

“Solo il Partito democratico - sottolinea il rapporto - ha condotto una campagna che ha visto la presenza significativa di manifesti elettorali in tutto il Paese”. 

Il lavoro coordinato dal professore di Roma Tre Edoardo Novelli è stato realizzato grazie al lavoro di circa 50 università e centri di ricerca in Europa che hanno coinvolto oltre cento studenti, ricercatori e dottorandi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

  • La Polonia alle urne, la destra di Kaczynski verso una nuova vittoria

  • In Grecia è di nuovo emergenza migranti, campi profughi al collasso

Torna su
EuropaToday è in caricamento