Migranti, i 5 stelle stufi delle assenze di Salvini: “Vada alle riunioni del Consiglio Ue”

Il leader della Lega, da quando è al Viminale, ha disertato cinque riunioni dei ministri europei degli Interni su sei. Corrao (M5s): “Risolvere le questioni legate al regolamento di Dublino”

Il 7 marzo 2019 potrebbe essere una data importante nella storia (travagliata) delle politiche migratorie dell’Unione europea: quel giorno, infatti, i ministri degli Interni dei 28 Paesi membri si sono riuniti a Bruxelles per discutere del regolamento di Dublino, ossia delle norme che governano la gestione dei flussi di migranti. L’Italia chiede da tempo una riforma che consenta una ripartizione più equa degli arrivi tra i vari Stati Ue. Ma i ministri riuniti in quell’occasione a Bruxelles hanno, per l’ennesima volta, rinviato qualsiasi decisione. E stavolta il rinvio potrebbe essere una pietra tombale. 

A quella riunione, non c’era il ministro italiano Matteo Salvini, impegnato in un tour elettorale in Basilicata. Non era la prima volta che il leader della Lega disertava un vertice di Bruxelles: a dirla tutta, come calcolato dal giornalista David Carretta, sulle sei riunioni dei ministri degli Interni europei che si sono tenute da quando è al Viminale, Salvini ha presenziato in un’unica occasione, al vertice informale in Austria. Assenze che anche il Movimento 5 stelle sembra non gradire. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini “si deve occupare del Viminale e dovrebbe venire alle riunioni del Consiglio dell'Unione europea per cercare di risolvere le questioni legate al regolamento di Dublino”, ha detto Ignazio Corrao, eurodeputato M5s. Parole che sanno di tirata d’orecchie. Tanto più visto che proprio sui migranti e sul regolamento di Dublino il governo gialloverde aveva annunciato una battaglia senza quartiere in Europa per cambiare le norme e ottenere una maggiore solidarietà tra gli Stati membri. Battaglia che avrebbe dovuto avere tra i suoi “capitani” il ministro Salvini. Ma a Bruxelles, ancora nessuno lo ha visto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • Altro che furbetti del reddito di cittadinanza, Parigi perde 14 miliardi l'anno per frodi al welfare

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • Non basta la seconda ondata, Francia alle prese anche con la 'sindrome da post-Covid'

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento