Ryanair si prepara alla seconda ondata: 20% dei voli cancellati. E la compagnia loda l’Italia

Il gigante dei voli low-cost promuove il sistema di test e tracciamento degli aeroporti italiani e tedeschi. Critiche a chi chiude le frontiere a Paesi che registrano numeri di contagi sotto controllo. Previsto un piano da 3.000 licenziamenti

L’amministrazione di Ryanair ha fatto sapere di aver tagliato un quinto dei suoi voli previsti per i mesi di settembre e ottobre a seguito di un calo delle prenotazioni dovuto, secondo gli analisti dell’impresa irlandese, ai timori di una seconda ondata della pandemia di Covid-19.

'Promosse' Italia e Germania

Il gigante dei voli low cost in precedenza aveva già pianificato di ridurre i servizi offerti nel mese di settembre al 70% rispetto ai ritmi di circolazione pre-Covid. Le cancellazioni avranno impatto soprattutto sul traffico aereo di Francia, Spagna e Svezia, ma anche sull'Irlanda, sottolinea Ryanair. La compagnia amministrata da Michael O’Leary non risparmia critiche a quei Governi che hanno imposto la quarantena a Paesi “che hanno tassi di casi Covid-19 inferiori negli ultimi 14 giorni rispetto all’Irlanda”, come Germania e Regno Unito. “Test adeguati negli aeroporti e un tracciamento efficace - come vengono condotti in Germania e in Italia - sono l'unico metodo realistico e proporzionato per controllare i viaggi aerei intra-Ue in maniera sicura, limitando efficacemente la diffusione del virus Covid-19”, ha dichiarato la compagnia ai media irlandesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le difficoltà della compagnia low-cost

A quanto si apprende, i passeggeri che avrebbero dovuto viaggiare a settembre sarebbero già stati informati della cancellazione, mentre quelli che avrebbero dovuto viaggiare a ottobre riceveranno presto la comunicazione della compagnia. Ryanair aveva precedentemente dichiarato perdite nette per 185 milioni di euro dopo un calo del 99% dei passeggeri tra aprile e giugno. Oggi prevede un calo simile per il trimestre luglio-settembre dell’anno in corso. Motivi che hanno convinto il gigante dei cieli irlandese a preparare un piano di esuberi che andrà a colpire circa 3.000 posti di lavoro, il 15% del totale dei suoi impiegati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento