Lunedì, 27 Settembre 2021
Attualità

Nostalgia dell'Unione sovietica? La metà dei russi vorrebbe una statua di Stalin

Il consenso all'idea è raddoppiato negli ultimi dieci anno sotto il governo di Putin, che ha fatto delle celebrazioni della vittoria sul nazismo un punto fermo della sua propaganda politica

I russi sono orgogliosi del proprio passato e circa la metà di loro vorrebbe che lo Stato celebrasse Joseph Stalin con una statua. Lo mostra un sondaggio secondo cui la cifra dei favorevoli è quasi raddoppiata negli ultimi dieci anni. Come riporta il Times il Levada Center ha affermato che il 48 per cento degli intervistati ha affermato che sarebbe "positivamente disposto" all'idea di una statua del leader dell'Unione sovietica per celebrare la vittoria sui nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Solo il 20 per cento si è opposto fermamente all'idea e il 29 per cento si è detto “indifferente”.

Dieci anni fa solo il 25 per cento sosteneva l'idea di costruire una statua. Come sottolinea il quotidiano britannico l'approvazione dell'eredità di Stalin è cresciuta costantemente nel Paese durante il governo del presidente Vladimir Putin, che ha fatto della celebrazione della vittoria della "Grande Guerra Patriottica" un pilastro della sua azione, senza mai criticare o denunciare l'operato del dittatore.

L'Unione sovietica è il Paese che ha subito le maggiori parte delle perdite durante il conflitto con circa 27 milioni di militari e civili sovietici che furono uccisi durante la guerra, moltissimi durante l'assedio di Stalingrado. Nonostante la brutalità dello stalinismo i sostenitori del comunista georgiano, erede alla guida del Paese del padre della rivoluzione Lenin, ricordano la rapida industrializzazione dell'Unione Sovietica durante i suoi 28 anni di governo, con la nazione che passò dall'essere uno Stato feudale a uno dei più avanzati del pianeta. In quegli anni furono centinaia di migliaia le persone che morirono nei Gulag, i campi di lavoro forzato che si trovavano in gran parte nella fredda Siberia, con gli oppositori del leader comunista, definiti nemici dello Stato, che furono trattati senza pietà.

Le crudeltà compiute durante l'era di Stalin furono poi denunciate dal suo successore, Nikita Krusciov, in un discorso nel 1954, l'anno dopo la morte del dittatore le cui statue furono poi quasi tutte smantellate. Anche la città che portava il suo nome, Stalingrado, tornò alla sua denominazione originale di Volgograd nel 1961. Tuttavia, nel 2013 il consiglio cittadino, guidato dal partito Russia Unita di Putin, votò affinché il nome diventasse di "Eroica città di Stalingrado" per sei giorni all'anno in concomitanza con l'anniversario della vittoria della battaglia che concluse un assedio nazista che durò circa sei mesi, e che diede inizio alla sconfitta della Germania di Adolf Hitler.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nostalgia dell'Unione sovietica? La metà dei russi vorrebbe una statua di Stalin

Today è in caricamento