rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Difesa / Russia

La Russia utilizza delfini per proteggere la sua flotta da attacchi subacquei

Immagini satellitari rivelano la presenza dei mammiferi in gabbie in una sua base navale nel Mar Nero, sarebbero stati addestrati a pattugliare le acque

La Russia avrebbe addestrato dei delfini militari per proteggere la sua flotta da attacchi subacquei, attaccando eventuali sub nemici o controllando la presenza di mine. Lo rivela una nuova analisi condotta dallo Us Naval Institute (Usni) che ha esaminato le immagini satellitari della base navale nel porto di Sebastopoli, in Crimea, e conclude che due gabbie contenenti un paio di delfini sono stati spostati nella base a febbraio, in concomitanza con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Gli aggiornamenti dalla guerra in diretta

H I Sutton, un esperto di difesa specializzato in sottomarini, è stato il primo a segnalare la presenza di delfini. Secondo quanto dedotto dalle immagini recinti speciali per i mammiferi marini sono stati recentemente installati nel porto di Sebastopoli. Secondo lui, questi animali con la loro speciale intelligenza saranno utilizzati, tra le altre cose, per contrastare eventuali sommozzatori ucraini specializzati che cercano di entrare nel porto per sabotare le navi da guerra russe. Secondo altri esperti, i delfini possono anche essere utilizzati per individuare le mine, per esempio. Un portavoce di Maxar conferma la teoria di Sutton e dice che la presenza dei due delfini risale solo all'inizio dell'invasione russa.

La base navale di Sebastopoli nel Mar Nero, spiega il Guardian, è cruciale per l'esercito russo, poiché si trova sulla punta meridionale della Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014. Secondo l'analisi dell'Usni, molte delle navi russe ancorate lì, pur essendo fuori dalla portata dei missili, sono potenzialmente vulnerabili agli attacchi subacquei. Mosca ha una lunga storia di addestramento di delfini per scopi militari, l’ex-Paese sovietico utilizza da anni il mammifero acquatico per recuperare oggetti o proteggere le acque dai nemici.

Negli anni '60, l'Unione Sovietica ha sviluppato un programma di addestramento per i delfini di guerra. Dopo il crollo dell'Urss, la marina ucraina ha preso possesso dei cetacei, ma la Russia li ha recuperati dopo l'annessione della Crimea nel 2014. Da allora, si dice che la Russia abbia ricominciato ad addestrare gli animali. Gran parte della flotta russa è attualmente attraccata a Sebastopoli, poiché la città portuale della Crimea è fuori dalla portata dei missili ucraini.

Le immagini satellitari del 2018 hanno rivelato che la Russia ha anche usato i delfini nella sua base navale di Tartous, in Siria, durante la guerra. I delfini non sono le uniche creature dell'oceano che l'esercito russo potrebbe aver addestrato. Nell'aprile 2019, i pescatori sono stati inseguiti da una balena beluga (delfino bianco) a Inga, in Norvegia. L'animale indossava un'imbracatura con la scritta "St Petersburg equipment". Secondo gli esperti norvegesi, potrebbe essere un animale addestrato dall'esercito russo che era scappato da un porto militare russo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Russia utilizza delfini per proteggere la sua flotta da attacchi subacquei

Today è in caricamento