rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
La strategia / Ucraina

Così la Russia rischia di affamare il mondo per vincere la guerra in Ucraina

Aziende agricole bombardate, campi distrutti, agricoltori scappati o andati al fronte, infrastrutture rese inagibili. Putin sta inducendo una crisi alimentare come arma globale

"La Russia ha bloccato 22 milioni di tonnellate di raccolto pronto per l'esportazione nei porti ucraini", è la denuncia fatta dal presidente Volodymyr Zelenski durante un briefing con il primo ministro portoghese Antonio Costa. E non sarebbe la prima volta che Vladimir Putin colpirebbe le esportazioni di grano e altri alimenti, inducendo la crisi alimentare come ulteriore arma per provare a vincere la guerra.

Già il 9 aprile, le forze russe avevano colpito un impianto agricolo nella regione orientale di Luhansk, le immagini satellitari hanno mostrato un grande cratere di bombe presso la struttura bombardata, dove sono stati distrutti silos di grano e altre infrastrutture. Ancora prima, all'inizio di marzo era stata presa di mira l'azienda lattiero-casearia Agromol nella regione di Kharkiv, dove centinaia di mucche sono state uccise dai bombardamenti. I lavoratori che sono tornati alla Naporivske Agricultural Enterprises, fuori Chernihiv, alla fine del mese, hanno scoperto che quasi tutti i 300 bovini della fattoria erano stati abbattuti dalle forze russe. A marzo, funzionari statunitensi hanno documentato il danneggiamento di sei strutture di stoccaggio del grano nell'Ucraina orientale. "Il danneggiamento sconsiderato di questi silos di grano da parte della Russia è un chiaro esempio di come la guerra di Putin colpisca direttamente i civili in Ucraina e minacci la sicurezza alimentare in tutto il mondo", ha dichiarato a Reuters un funzionario statunitense.

Gli aggiornamenti in diretta dal conflitto

Da allora gli attacchi ai silos di grano sono continuati, anche perché il cuore agricolo dell'Ucraina, nel sud-est del Paese, è teatro di alcuni dei più feroci combattimenti. Come conseguenza della situazione in tutto il Paese le semine primaverili sono diminuite del 20-30% rispetto all'anno scorso, ha dichiarato Mykola Solskyi, ministro dell'Agricoltura di Kiev. Come ricostruisce il Telegraph in un approfondimento sulla questione, in alcune zone orientali della nazione le aree agricole sono occupate o vicine ai fronti attivi, ma anche dove le forze russe si sono ritirate, non tutte le aziende agricole sono di nuovo in produzione, questo perché molti agricoltori sono fuggiti, mentre altri sono al fronte a combattere. Quindi anche se non direttamente colpite le loro attività si sono comunque fermate. In altre aree l'esplosione di munizioni ha bruciato i terreni coltivati, mentre molti campi sono disseminati di ordigni inesplosi o di mine.

Come se non bastasse è difficile far uscire dal Paese anche quel poco chi si riesce ancora a produrre. I danni alle infrastrutture di trasporto includono 6.300 chilometri di linee ferroviarie fuori uso e danni a 289 ponti stradali e 41 ponti ferroviari, secondo Oleksandr Kubrakov, ministro delle infrastrutture. "Stiamo lavorando per rendere sicure le catene di consegna delle merci, cambiando la direzione dei flussi commerciali a causa del blocco dei porti marittimi ucraini e della perdita di circa il 23% della rete ferroviaria", ha dichiarato Kubrakov questa settimana. Ma alcune rotte sono chiuse, in quanto la Russia ad esempio ha bloccato le esportazioni di prodotti alimentari ucraini prendendo il controllo del porto di Mariupol e chiudendo il porto di Odesa sul Mar Nero. All'inizio del mese, la Fao ha avvertito che circa 25 milioni di tonnellate di grano erano bloccate in Ucraina, come conseguenza di questa situazione.

Se i porti ucraini rimarranno chiusi, ciò contribuirà alla carestia a livello globale, ha avvertito David Beasley, responsabile del Programma alimentare mondiale. "Più a lungo i porti dell'area di Odesa resteranno chiusi, più devastante sarà la crisi della fame a livello globale. È troppo chiedere che il cibo possa fluire in modo che milioni di persone possano mangiare?", ha chiesto. Sesto esportatore di grano al mondo lo scorso anno, l'Ucraina è anche uno dei principali esportatori di mais, orzo, semi di girasole e altri prodotti agricoli. Ma il suo status di granaio globale è stato minacciato dall'invasione russa, e questo ha avuto conseguenze devastanti per l'intero pianeta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Così la Russia rischia di affamare il mondo per vincere la guerra in Ucraina

Today è in caricamento