menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rom in Transilvania - foto Ansa EPA/Zoltan Balogh

Rom in Transilvania - foto Ansa EPA/Zoltan Balogh

Linea dura in Romania contro le discriminazioni: fino a dieci anni per chi attacca i rom

Promulgata la legge che prevede pesanti sanzioni per le aggressioni contro le persone, le proprietà, i luoghi di culto. Per il Paese "è una questione di bisogno e dignità umana"

La Romania ha scelto la linea dura contro le discriminazioni contro la primcipale minoranza del Paese, quella rom. Il presidente Klaus Iohannis ha sottoscritto e promulgato la legge, approvata il mese scorso dal Parlamento, che punisce con il carcere fino a 10 anni i crimini di odio.

Crimini d'odio

Secondo il testo saranno severamente punite "manifestazioni verbali o fisiche, motivate da odio contro i rom, dirette contro i rom o le loro proprietà". Questo include crimini e gli attacchi contro i luoghi di culto, le loro tradizione e anche la lingua rom. Come racconta Euronews insulti razzisti e i discorsi di odio contro questo gruppo etnico, sono comuni sia sui social media che nelle situazioni di vita del Paese, dove spesso questa minoranza viene aggredita verbalmente e anche fisicamente. "Questa legislazione serve principalmente per aiutare ed educare perché abbiamo dimenticato nell'ultimo anno durante la pandemia Covid-19 che ci sono ancora altri problemi nel paese come la discriminazione", ha detto alla televisione Radu Magdin, analista politico a Bucarest, secondo cui "la Romania non vuole essere individuata come un paese che ha grandi problemi con i rom, questa è una questione di bisogno e dignità umana".

Problema europeo

Un problema, quello della discriminazione dei Rom, di lunga data in Europa. E a questo proposito, la Commissione europea ha adottato alcuni mesi fa un piano decennale per sostenere la loro integrazione nell'Ue. Sette sono le aree chiave di interesse: uguaglianza, inclusione, partecipazione, istruzione, occupazione, salute e alloggio. Per ciascun settore, l'esecutivo europeo ha presentato nuovi obiettivi e raccomandazioni per gli Stati membri che serviranno da strumenti per monitorare i progressi. La Commissione ha proposto obiettivi minimi per il 2030 come dimezzare la proporzione di rom che ha subito discriminazione e raddoppiare la percentuale di quelli che scelgono di denunciarle. Ancora, si punta a dimezzare il divario di povertà che c’è tra i rom e la popolazione generale e il gap esistente nell'andare alla scuola della prima infanzia. Si punta poi a dimezzare la distanza occupazionale e nell'aspettativa di vita, ridurre di almeno un terzo il divario nella privazione di abitazioni e infine a garantire che almeno il 95 per cento di loro abbia accesso all'acqua del rubinetto. Per raggiungere questi obiettivi, per la Commissione è fondamentale che gli Stati membri mettano in atto delle politiche adeguate e ha stabilito un elenco di misure che i Paesi devono adottare come campagne di sensibilizzazione nelle scuole, sostegno all'alfabetizzazione finanziaria all'occupazione nelle istituzioni pubbliche fino al miglioramento dell'accesso a controlli medici di qualità, screening e pianificazione familiare per le donne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate alle Maldive? Il Paese offrirà il vaccino ai turisti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento