Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

Forti in robotica, deboli nelle infrastrutture: Italia a due velocità sul digitale

Il Belpaese ancora indietro nelle classifiche Ue sulla banda ultra larga e i servizi tecnologici. L'allarme dell’I-Com Broadband Index

Male sul digitale, meglio su intelligenza artificiale e robotica. La performance italiana in campo tecnologico risulta ancora ‘appesantita’ dal ritardo nei confronti del resto d’Europa. Nel 2020 il Belpaese si è classificato 22mo sui 27 Stati Ue secondo l’I-Com Broadband Index, l’indice elaborato dall’Istituto per la Competitività (I-Com) che misura lo sviluppo della banda ultra larga nei mercati nazionali ed europei. “A determinare lo stallo italiano - secondo gli esperti - è soprattutto la domanda digitale, che cresce a un ritmo ancora troppo lento rispetto ai principali Paesi del Vecchio continente”.

I motivi del ritardo italiano

L’indice tiene conto soprattutto della domanda, e quindi il grado di digitalizzazione degli italiani, e dell’offerta, ovvero il livello di sviluppo delle infrastrutture digitali. L’Italia è rimasta stabile rispetto all’anno precedente, ma in calo se si considera il 2018, quando il Belpaese era 21mo in Europa. Due i settori che vedono l’Italia particolarmente in ritardo. A fronte di una media europea del 63%, solo il 38% degli italiani utilizza i servizi di e-commerce, mentre una percentuale ancora più bassa, il 22%, ha sottoscritto nell’anno in corso abbonamenti con una velocità di connessione superiore a 100 Megabit per secondo (Mbps). Se si guarda al resto del continente, è il Nord Europa a registrare i risultati migliori secondo l’indice I-Com. A fare la parte del leone è la Svezia, che guida la classifica per il terzo anno consecutivo. Seguono Lussemburgo e Danimarca a pari merito con un punteggio di 97,3, grazie alla copertura totale del 4G e quella della banda larga nelle aree rurali, che ha raggiunto il 96%. Come pure la copertura della rete NGA, che in entrambi i Paesi supera il 95%. La Spagna si posiziona al quarto posto, la Germania al sedicesimo e la Francia al ventesimo. 

ElkcNyAXIAMUeod-2

Belpaese più forte nella robotica

Lo studio prende in considerazione un indice che misura il grado di sviluppo dell’intelligenza artificiale nell’Unione europea. Ancora una volta, a trainare la classifica sono i Paesi del Nord. L’Italia risulta a metà classifica, al 13mo posto nell’Unione. Al contrario, ottima la performance nel campo della robotica, come pure è discreto il numero di imprese specializzate nell’intelligenza artificiale – circa il 17% del totale – che ha depositato domande di brevetto. Non a caso si tratta di realtà che hanno un discreto ecosistema di imprese che adottano tecnologie di intelligenza artificiale e una percentuale di aziende focalizzate sui Big Data che si aggira intorno al 20% ed è ben al di sopra della media europea (12%). Seguono in 7ma e 11ma posizione due dei principali Paesi Ue: la Francia e la Germania che, nonostante l’elevato numero di realtà che operano in questo settore, sono ancora indietro per la loro dimensione, per la mancanza di un ecosistema industriale e per il basso punteggio ottenuto sul lato della ricerca. 

ElkbiseWkAADPnG-2

Il parere degli esperti 

I risultati dell’indice sono contenuti nel rapporto dal titolo “Tutte le strade portano al digitale. Regole e investimenti per la ripresa economica in Italia e in Europa” condotto dall’Istituto per la Competitività (I-Com) nell’ambito dell’Osservatorio sulle reti e i servizi di nuova generazione. Lo studio, curato dal presidente dell’istituto Stefano da Empoli e dal direttore dell’area Digitale Silvia Compagnucci, è stato presentato ieri a Roma nel corso di un webinar a cui hanno preso parte oltre trenta relatori tra accademici, esperti e rappresentanti delle istituzioni, della politica e del mondo delle imprese. “Negli ultimi anni - è stato il commento del presidente dell’Istituto per la Competitività Stefano da Empoli - abbiamo fatto passi in avanti, spesso anche importanti, ma soprattutto su un versante: quello delle infrastrutture”. “Siamo invece indietro, troppo indietro, nell’utilizzo dei servizi digitali. E non riusciamo in alcun modo a ridurre il gap con gli altri Paesi”, aggiunge Empoli. “Ora occorre reagire con decisione, grazie a policy che consolidino rapidamente lo scatto in avanti determinato dalla necessità di ricorrere al digitale durante la pandemia”, ha concluso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forti in robotica, deboli nelle infrastrutture: Italia a due velocità sul digitale

EuropaToday è in caricamento