Rimpasto nella Commissione Ue: un falco del rigore al commercio

Il passo indietro di Phil Hogan, che ha dovuto lasciare l'incarico per non aver rispettato le norme sul Covid-19, ha costretto la von der Leyen a ripensare la sua squadra

Con le dimissioni di Phil Hogan, costretto a fare un passo indietro dopo aver partecipato a un evento in Irlanda dove non sono state rispettate le norme anti-covid, Dublino ha perso il commissario al Commercio, un ruolo di interesse strategico nei negoziati sulla Brexit. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha infatti annunciato questa mattina che a Mairead McGuinness, la prescelta a rimpiazzare Hogan, non verranno assegnate le delicate deleghe al commercio internazionale.

La McGuinness, con l’eventuale conferma della sua candidatura da parte del Parlamento europeo, andrà invece ricoprire un’altra casella fondamentale nella squadra dell’esecutivo Ue, ovvero quella di commissaria ai Servizi finanziari, alla stabilità e all’unione dei mercati dei capitali. Si tratta del posto lasciato libero da Valdis Dombrovskis, che invece rimpiazzerà Phil Hogan come nuovo commissario al Commercio.

Nel contesto del ‘rimpasto Ue’, per il Governo di Dublino arriva anche una seconda beffa dovuta, in realtà, a un’importante poltrona europea conquistata dall’Irlanda negli ultimi mesi. Il nuovo incarico della McGuinness avrebbe dovuto includere anche la partecipazione alle riunioni dell’Eurogruppo, centro di coordinamento informale che riunisce i ministri delle Finanze dell’eurozona, ma la von der Leyen ha scelto di lasciare tale funzione in capo a Dombrovskis.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il politico lettone continuerà, assieme al commissario all’Economia Paolo Gentiloni, a partecipare agli incontri fondamentali sull’economia europea. La scelta, spiegano tanti osservatori, è probabilmente dovuta alla nazionalità irlandese del nuovo presidente dell’Eurogruppo Paschal Donohoe. Avere due personalità dello stesso Paese, sarebbe stato il giudizio della Commissione, avrebbe potuto creare qualche sbilanciamento nell’attento equilibrio geografico tra alti incarichi a livello Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento