Le rimesse dei migranti valgono 35 miliardi

L'Italia tra i Paesi Ue con il più alto deficit tra entrate e uscite. Ma anche tra quelli dove arrivano più risorse dall'estero

Flussi di denaro in entrata e uscita sotto la lente d’ingrandimento dell’Eurostat, che ha snocciolato le cifre di quanti soldi vengono spediti dai migranti nei loro Paesi d’origine. Le rimesse effettuate dai residenti dell'Unione europea verso Paesi terzi nel 2018 ammontavano a 35,6 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 32,6 miliardi del 2017. Nello stesso periodo, secondo l’Eurostat - l'Ufficio di statistica dell’Ue - i trasferimenti verso i 28 Stati membri sono stati pari a 10,9 miliardi di euro, invariati rispetto al 2017. Ciò ha comportato un saldo negativo di 24,6 miliardi di euro. 

Entrate e uscite

Tra gli Stati membri per i quali vengono pubblicati i dati, il bilancio negativo tra entrate e uscite ha colpito maggiormente la Francia (11,4 miliardi di euro), la Spagna (7,7 miliardi di euro), il Regno Unito (7,0 miliardi di euro) e l'Italia (6,5 miliardi di euro). Il Belpaese, in passato ha beneficiato molto delle rimesse degli italiani all’estero ma ora questo fenomeno è diminuito molto e chi va a lavorare in un altro Paese non sempre lo fa per sostenere chi è rimasto nella città di origine.

Stati che guadagnano grazie ai loro cittadini all’estero

Ma nonostante questo cambiamento restiamo comunique tra gli Stati in cui gli afflussi di denaro proveniente dall'estero sono più alti. Al primo posto si posizione il Portogallo (3,6 miliardi di euro), davanti a Romania (3 miliardi di euro), Polonia (2,9 miliardi di euro), Regno Unito (2,3 miliardi di euro) e infine Italia (2 miliardi di euro).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La provenienza del denaro

Nel 2018, le quote più elevate di afflussi all'interno dell'Ue tra gli afflussi totali di trasferimenti personali sono state registrate in Slovacchia (99 per cento), Ungheria (90 per cento), Lussemburgo e Romania (entrambi a 89 per cento), Polonia (85 per cento) e Svezia (83 per cento). Al contrario, gli afflussi extra-Ue hanno rappresentato circa i tre quarti degli afflussi totali in Francia (74 per cento) e circa due terzi a Malta (63 per cento) e in Belgio (61 per cento). Slovacchia (97 per cento), Lussemburgo (88 per cento), Irlanda (79 per cento) e Finlandia (70 per cento) sono stati gli Stati membri che hanno registrato la percentuale più elevata di deflussi all'interno dell'Ue in rapporto ai deflussi totali. I trasferimenti personali extra-Ue sono stati per lo più diretti verso l'Asia (21%), seguiti dal Nord Africa (18%), dai Paesi europei extra-UE (16%), dal Centro e Sudafrica (14%) e dal Sud America (13%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Coronavirus, Londra cambia metodo di conteggio e si 'taglia' 5mila vittime

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento