rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Ricercatori e case farmaceutiche avranno accesso ai dati sanitari di tutti gli europei

Lo prevede la nuova proposta della Commissione, che però ammette l’uso delle informazioni solo destinate a finalità specifiche e senza rivelare l'identità dei singoli individui

Una donna che vive in Portogallo va in vacanza in Francia. Purtroppo si ammala e quindi ha bisogno di vedere un medico locale. Grazie al nuovo Spazio europeo dei dati sanitari, il medico in Francia vedrà sul proprio computer la storia medica di questa paziente, per giunta tradotta in lingua francese. Il medico potrà dunque prescrivere il medicinale necessario evitando, ad esempio, i prodotti ai quali la paziente è allergica. Questa è solo una delle tante applicazioni dello Spazio europeo dei dati sanitari proposto oggi dalla Commissione Ue. 

Il sistema è pensato per promuovere un vero mercato unico per i servizi e i prodotti sanitari digitali, ma anche per garantire l’interoperabilità e la sicurezza dei dati. La maxi piattaforma delle informazioni mediche sarà accessibile anche ai ricercatori e alle case farmaceutiche, ma tale possibilità verrà assoggettata ad alcune condizioni. 

Per poter accedere ai dati, ha spiegato la Commissione, ricercatori, imprese o istituzioni dovranno chiedere un'autorizzazione a un organismo responsabile dell'accesso alle informazioni che riguardano potenzialmente tutti i cittadini Ue. Tali organismi saranno istituiti in tutti gli Stati membri e consentiranno l’accesso ai ricercatori e alle aziende solo se i dati richiesti “sono destinati a finalità specifiche, in ambienti chiusi e sicuri e senza rivelare l'identità dei singoli individui”, si legge nel documento Ue. La proposta include inoltre un divieto di utilizzare i dati per prendere decisioni che possano nuocere ai cittadini, ad esempio progettare prodotti o servizi dannosi o aumentare un premio di assicurazione.

“È importante che l'industria possa utilizzare i dati sanitari, per consentire l'innovazione che migliorerà la prevenzione, la diagnosi e la cura delle malattie”, ha precisato la Commissione europea. “La pandemia di Covid-19 ha dimostrato ancora una volta l'importanza di tale innovazione per lo sviluppo di vaccini che hanno contribuito a salvare milioni di vite”. Per questo l'industria avrà l'opportunità di avere accesso alle informazioni. “Solo i dati necessari per quella specifica ricerca sarebbero messi a loro disposizione, senza rivelare l'identità dell'individuo, e possono essere accessibili solo nell'ambiente di elaborazione sicuro per la durata del loro progetto”, si precisa nel documento Ue.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricercatori e case farmaceutiche avranno accesso ai dati sanitari di tutti gli europei

Today è in caricamento