rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Brexit / Regno Unito

Il Regno Unito ha deciso: porte chiuse agli universitari italiani

Londra pubblica la lista degli atenei ai cui studenti sarà concesso il visto speciale: solo tre si trovano nell’Ue e nessuno nello Stivale

È ufficiale: non ci sarà nessuna università italiana tra quelle che avranno diritto al visto speciale per lavorare in Gran Bretagna. Si tratta di un visto appena creato grazie al quale i neolaureati potranno stabilirsi per un periodo di tempo nel Paese anche senza un'offerta di lavoro, cosa vietata agli altri stranieri. In mattinata il Regno Unito ha reso noto l'elenco delle università selezionate per i visti Hpi (Individui ad alto potenziale), tra gli atenei solo tre si trovano nell’Ue: il Karolinska Institute in Svezia, l'Université Paris Sciences et Lettres in Francia e l'Università tedesca di Monaco.

L'Hpi è un visto di lavoro britannico a breve termine per i laureati delle migliori università che il governo di Boris Johnson ritiene abbiano il potenziale di arricchire l'offerta di forza lavoro dell'isola. Il nuovo programma mira ad attrarre talenti stranieri altamente qualificati che si sono laureati in alcune delle migliori università del mondo.

Possono richiedere il percorso Hpi coloro che si sono laureati presso un'università internazionale idonea nei cinque anni immediatamente precedenti la domanda. "Coloro ai quali sarà concesso un visto di lavoro di due anni (tre anni per coloro che hanno conseguito un dottorato di ricerca) e potranno passare ad altri percorsi di lavoro a lungo termine, a condizione di soddisfare i requisiti di ammissibilità", ha dichiarato il ministro per l'Immigrazione sicura e legale Kevin Foster.

Il governo utilizzerà il Times Higher Education World University Rankings, il QS World University Rankings e il Academic Ranking of World Universities come parametri di riferimento per decidere quali università sono ammissibili. Per essere eligibili, oltre ad aver conseguito la laurea in uno degli atenei, i candidati dovranno dimostrare un livello intermedio di inglese (B1), dimostrare di avere la fedina penale pulita e pagare 715 sterline in tasse per il visto più il supplemento sanitario per l'immigrazione in cambio dell'accesso al Servizio Sanitario Nazionale. Coloro che vogliono rimanere in Gran Bretagna per meno di un anno devono dimostrare di avere almeno 1.270 pound nel proprio conto in banca.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Regno Unito ha deciso: porte chiuse agli universitari italiani

Today è in caricamento