Recovery fund cosa fatta? Il Parlamento Ue chiede modifiche: "Alcuni aspetti inaccettabili"

No ai tagli ai programmi per la ricerca e l'ambiente, più risorse proprie per l'Europa e un maggiore coinvolgimento nel controllo democratico del fondo. Ecco le richieste dell'Eurocamera

Toccherà al Parlamento europeo ratificare l'accordo su Recovery fund e bilancio 2021-2027 raggiunto dai capi di Stato e di governo a Bruxelles dopo 91 ore di negoziati. E stando a una nota diramata oggi, gli eurodeputati non ci stanno a fare i semplici passacarte: "Il Parlamento rimane critico su alcuni aspetti essenziali del compromesso, in particolare sulla prospettiva a lungo termine" e per questo "ci impegneremo per garantire miglioramenti, compresi importi più elevati, su programmi" come Horizon, InvestEU, LIFE ed Erasmus+.

Secondo l'Eurocamera, infatti, l'accordo raggiunto dai leader Ue è andato a discapito di una serie di programmi comuni. Nelle richieste dei deputati, il bilancio pluriennale 2021-2027 sarebbe dovuto essere più cospicuo e mettere "la salute, la ricerca e i cambiamenti climatici come priorità". Questo, a loro giudizio, non è avvenuto. E per questo cercheranno di emendare il testo nel passaggio parlamentare, atteso per il 23 luglio. Nessuna minaccia di veto, anche perché, si legge nella nota, l'impegno del Parlamento è volto a "garantire che la ripresa inizi senza ritardi". Ma "se le nostre condizioni non saranno sufficientemente soddisfatte - avvertono i deputati - adotteremo i programmi sulla base dell'attuale bilancio pluriennale, come previsto dal Trattato".

Il Parlamento lamenta anche la mancanza di "un controllo democratico" adeguato sul Recovery fund e per questo "in quanto braccio dell'autorità di bilancio, combatterà per essere pienamente coinvolto nell'istituzione e nell'attuazione" di questo fondo. Infine, critiche sono anche rivolte alla questione delle cosiddette risorse proprie dell'Ue: "L'Ue è ora autorizzata a prendere in prestito fondi, ma non vi è alcuna certezza su come sarà rimborsato il debito. Il Parlamento è stato chiaro: la ripresa non deve ridurre le capacità di investimento né danneggiare il contribuente nazionale. Questo è il motivo per cui nuove risorse proprie autentiche sono la soluzione per ripagare il debito comune".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra queste risorse proprie, l'unica sul trampolino di lancio è quella derivante dalla tassa sulla plastica, che dovrebbe scattare nel 2021. "Ma non basterà da sola", dicono gli eurodeputati, che puntano il dito anche con l'aumento dei 'rebate' per i Paesi frugali (e la Germania). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento