Giovedì, 5 Agosto 2021
Attualità

Eurocamera applaude Rackete, ma lei attacca: “Noi e l’Italia lasciati soli”

Salvini sulla standing ovation: “Imbarazzo e vergogna”. La capitana Carola chiede all’Ue di interrompere ogni supporto alla Guardia costiera libica e se la prende anche con gli Stati che finanziano la guerra civile a Tripoli

Foto Ansa, EPA/OLIVIER HOSLET

“Abbiamo dovuto legare i corpi tra loro perché non affondassero”, così Carola Rackete ricorda la sua prima esperienza di salvataggio in mare nel 2016, in occasione di un naufragio nel Mediterraneo. “Ma nessuna esperienza è stata così brutta come trovarsi a bordo della Sea Watch 3 con quei migranti che nessuno voleva”, aggiunge la capitana nel corso di un’audizione all’Eurocamera, presso la commissione parlamentare Libertà civili. Invitata a Bruxelles su proposta dei gruppi Sinistra Gue e Verdi, la Rackete ripercorre gli ultimi mesi, a partire dall’atto di disobbedienza alle autorità italiane che le ha dato “molta attenzione non voluta, inviti e premi da parte di diversi Paesi europei ed istituzioni”. “Ma dove eravate quando noi eravamo lì a chiedere aiuto?”, attacca l’attivista per i diritti umani, applaudita a più riprese dagli eurodeputati. 

La reazione di Salvini

Applausi che diventano subito oggetto di polemica con colui che le ha “regalato”, volente o nolente, tanta notorietà. L’ex-ministro degli Interni Matteo Salvini sentenzia: “Provo pena, imbarazzo e vergogna per chi ha applaudito Carola Rackete a Bruxelles”. Ricordando il suo arrivo al porto di Lampedusa “per scaricare a tutti i costi degli immigrati in Italia”, il leader della Lega fa sapere che considera “un’offesa” al Paese l’omaggio alla comandante.

L'Italia lasciata sola

Eppure, Rackete oggi ha riconosciuto che “l'Italia e gli altri Paesi del fronte Sud sono stati lasciati soli” a gestire “il flusso di migranti negli ultimi anni”. Se la prende anche con gli aiuti dell’Europa alla Guardia costiera libica, con la quale chiede di “porre fine a qualsiasi cooperazione, poiché sappiamo che lì vi sono violazioni dei diritti umani”, riferendosi ai campi di detenzione dove vengono portati i migranti che tentano la traversata. Parte del problema sono anche “gli Stati Ue che sostengono diversi gruppi nella guerra civile in Libia, aggravando la situazione” e chiede, a margine dell’audizione, che “siano resi pubblici i dettagli del coinvolgimento dei Paesi europei”.

La soluzione europea

Parlando al bar della sala stampa con i giornalisti accorsi numerosi, nonostante le audizioni in Parlamento dei commissari designati in corso, l’attivista ha sottolineato che nel Mediterraneo cambierà qualcosa “solo se l'Ue agirà”. “Il nuovo Governo italiano - precisa Rackete - è sotto pressione”. Un possibile alleggerimento di responsabilità potrà avvenire, conclude Rackete “solo se, una volta per tutte, gli Stati membri dell'Ue mostreranno solidarietà trovando soluzioni europee”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eurocamera applaude Rackete, ma lei attacca: “Noi e l’Italia lasciati soli”

Today è in caricamento