Corte Ue accusa la Germania: "Giudici non indipendenti dal governo"

Secondo una sentenza che fa discutere “non offrono garanzie sufficienti per poter emettere un mandato d’arresto europeo”. A differenza della procura della Lituania

Il potere giudiziario non è sufficientemente indipendente. È troppo sotto il controllo del potere esecutivo. E no, non si parla di Polonia, Paese membro contro cui è stata avviata una procedura per la violazione dello Stato di diritto. È la Germania di Angela Merkel a finire sotto i riflettori, e non per meriti. “Le procure tedesche non offrono una garanzia d’indipendenza dal potere esecutivo sufficiente per poter emettere un mandato d’arresto europeo”. A bocciare il sistema tedesco è la Corte di giustizia dell’Ue, con due sentenze che già fanno discutere. Anche perché la stessa contiene un paragone con la Lituania, ed è la repubblica baltica ad uscire vincitrice del confronto. “Il procuratore generale di Lituania offre invece una tale garanzia d’indipendenza”.

Sono stati i ricorsi di cittadini comunitari contro decisioni in materia penale a far emergere le criticità del sistema di giustizia della repubblica federale tedesca. Due cittadini lituani e un cittadino rumeno colpiti da mandati d’arresto europei emessi in Germania e in Lituania hanno contestato le misure prese nei loro confronti. Le verifiche del caso hanno dato loro ragione, in parte. È convinzione dei giudici di Lussemburgo che la legislazione nazionale tedesca “non esclude” che la decisione delle procure di emettere un mandato d’arresto europeo, in un caso individuale, “possa essere soggetta a un’istruzione del Ministro della Giustizia del Land interessato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dunque, nel quadro di un mandato di arresto europeo il principio di ‘autorità giudiziaria emittente’ “non ricomprende le procure di uno Stato membro, come quelle della Germania”. Poiché un mandato d’arresto europeo costituisce una “decisione giudiziaria”, occorre segnatamente che esso sia emesso da un’“autorità giudiziaria” vera e propria, e non è questo il caso tedesco. Lo è per la Lituania, che dà una bella lezione di diritto a Berlino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento