Ora è ufficiale: nel 2019 il primo caso accertato di coronavirus. Ed è stato in Francia

Un medico ha riesaminato i casi di polmonite sospetta dello scorso dicembre. Uno di loro è risultato positivo al Covid-19. Che all'epoca non era ancora conosciuto al mondo

Il primo caso di Covid-19 finora accertato risale al dicembre 2019. E non riguarda la Cina. Ben prima che le autorità di Pechino rendessero noto al mondo l'esistenza del nuovo coronavirus, infatti, un uomo di Bondy, in Francia, era stato ricoverato, e poi dimesso, per una polmonite considerata sospetta già all'epoca, Esami successivi hanno rivelato che l'uomo, fortunamente sopravvissuto, era stato contagiato dal Covid-19. A darne notizia è l'emittente transalpina BfmTv. 

La scoperta è del dottor Yves Cohen, capo dei servizi di rianimazione degli ospedali Jean Verdier a Bondy e Avicenne a Bobigny, nella banlieue parigina. Il medico ha spiegato di aver riesaminato tutti i test Pcr effettuati su pazienti con polmoniti sospette a dicembre e gennaio. Su 24 pazienti, uno è risultato positivo al Covid-19. L'uomo era stato ricoverato il 27 dicembre a Bondy. Il Pcr, un esame con tecniche di biologia molecolare usato per diagnosticare le infezioni virali, gli era stato fatto per vedere se aveva l'influenza. L'uomo, oggi guarito, è stato subito ricontattato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' stato malato 15 giorni e ha contagiato i due figli, ma non la moglie", ha riferito Cohen. Nessuno dei famigliari è mai stato in Cina. Ma la donna lavora al banco del pesce di un supermercato, vicino al settore dei sushi, dove sono impiegate persone di origine cinese. L'ipotesi avanzata è che la donna si sia infettata attraverso i colleghi, ma sia rimasta asintomatica. Cohen, che ha riesaminato i test su suggerimento del professore d'igiene della sua struttura, Jean Ralph Zahar, ha avvertito le autorità sanitarie della sua scoperta. Una relazione sul caso sarà pubblicata la settimana prossima sull' "International journal of antimicrobial agents". Una volta verificato, il caso potrebbe riscrivere la storia dell'infezione in Francia e forse anche in Europa. I primi tre casi di coronavirus sono stati ufficialmente registrati in Francia il 24 gennaio: due erano arrivati a Parigi dopo essere stati a Wuhan e un terzo era un parente di uno di loro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento