rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
La condanna / Spagna

Prete predica contro gay e dice che la violenza "educa" le donne, rivolta in città

Dopo le proteste dei parrocchiani anche il Consiglio comunale di Albalat del Tarongers, cittadina spagnola, ha approvato un testo di condanna delle sue parole

Le prediche di un giovane parroco hanno scatenato l'ira degli abitanti di Albalat del Tarongers, cittadina a 34 chilometri da Valencia, in Spagna. Per mesi, i suoi commenti critici sugli omosessuali, sul modo di vestire delle donne e degli uomini e su come questi debbano imporsi sul sesso femminile sono stati sulla bocca di tutti. Vicent Planells, sacerdote 24enne, è stato accusato di essersi servito della messa per predicare odio, giustificando anche la violenza domestica come mezzo per "educare" le donne, descrivendo l'omosessualità come una malattia e criticando le ragazze per aver indossato gonne corte.

Lo sdegno è stato tale in città che il Consiglio comunale, governato dalla socialista Maite Pérez, ha approvato un testo di riprovazione e condanna delle sue parole con il sostegno unanime di tutti i partiti rappresentati nell'assemblea. Nella mozione il Consiglio comunale "repelle i commenti omofobi e xenofobi, tra gli altri, che non rientrano nel nostro Stato di diritto". Inoltre, "chiede al parroco di rettificare e scusarsi con tutte le persone che ha insultato e sminuito. Questa è una condanna dell'ideologia del sacerdote che attualmente governa la nostra parrocchia, non una condanna della Chiesa cattolica, che rispettiamo, perché siamo consapevoli che le sue parole rappresentano solo lui e non il resto della comunità cristiana", si legge nel testo.

Il sacerdote ha risposto con una dichiarazione attraverso il sito web del municipio in cui ha espresso alla sindaca la sua disponibilità "ad ascoltare e ad essere ascoltato". "Per il bene di tutta la città, non per il mio interesse, anche se sono io il soggetto di questa grave situazione", ha detto. L'uomo ha sostenuto di essere "oggetto di insulti e calunnie", e di essere stato accusato di aver usato espressioni che non avrebbe realmente pronunciato, frasi che lui nega  "categoricamente". Il sacerdote ha anche sottolineato che in nessuna delle altre città della regione in cui è parroco ha esercitato il suo ruolo è stato mai rimproverato dai loro consigli comunali.

Filiberto Prats, consigliere del Partito Popolare, conservatore, ed ex sindaco di Albalat, ha dichiarato: "Sono andato al 95 per cento delle messe e le parole pronunciate dal sacerdote non sono state distorte o inventate, ma sono state testuali". Il prete si sarebbe rifiutato di benedire gli omosessuali o le prostitute, chi va a bere nei parchi o fa uso di droghe. "Non ho mai sentito in vita mia barbarie solenni come dire che bisogna picchiare una donna per educarla. Non si può usare l'altare per insultare", ha detto Prat.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prete predica contro gay e dice che la violenza "educa" le donne, rivolta in città

Today è in caricamento