Polonia rischia la rottura con l'Ue: ok alla legge che punisce giudici che criticano le riforme

La Corte suprema ha avvertito che la mossa potrebbe costringere il Paese a lasciare l'Unione ma il governo tira dritto

Una protesta contro al riforma a Varsavia - foto Ansa EPA/ADAM

La Polonia ha scelto la strada dello scontro diretto con l'Unione europea. Il Parlamento del Paese ha approvato la legge che punisce i giudici che si oppongono alla riforma del sistema giudiziario e che è stata criticata da Commissione europea, Consiglio d'Europa e dall'alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Solo poche ore prima Bruxelles aveva invitato Varsavia tornare sui propri passi e a consultarsi con esperti internazionali.

Il rischio di uscita dall'Ue

La norma è stata approvata con 233 voti favorevoli e 205 contrari e ora andrà all'esame del Senato che è controllato dall'opposizione. Ma il passaggio non è fondamentale perché al massimo può ritardare l'entrata in vigore, visto che anche in caso di bocciatura la Camera bassa ha poi il potere di approvarlo comunque con un voto a maggioranza assoluta. Solo martedì scorso la Corte Suprema polacca aveva lanciato l'allarme su una possibile uscita futura di Varsavia dall'Ue a causa dei contrasti con Bruxelles sulla riforma giudiziaria. "I contrasti tra il diritto polacco e il diritto comunitario con ogni probabilità condurranno a un intervento delle istituzioni europee in merito a una violazione dei trattati Ue e, nella prospettiva più lunga porteranno alla necessità di lasciare l'Unione europea", avevano affermato i giudici. Le riforme del sistema giudiziario promosse negli ultimi anni dal governo nazionalista polacco guidato dal partito Diritto e Giustizia (PiS), sono accusate di mettere in pericolo lo Stato di diritto, e in particolare, è finita all'attenzione dell'Ue la bozza di legge con la quale il partito di governo punta a impedire ai giudici di mettere in discussione la legittimità delle riforme.

Approvazione a tappe forzate

Il testo è stato preparato in tutta fretta dal PiS in risposta alle sentenze della Corte di giustizia europea (Cgue) e della Corte suprema polacca, che hanno messo in discussione varie riforme giudiziarie introdotte dai conservatori. Il disegno di legge è stato sottoposto all'intera procedura legislativa in soli due giorni con i deputati hanno lavorato fino alle 4 del mattino. Ogni emendamento proposto dall'opposizione è stato respinto e il voto finale è stato accolto da grida di "vergogna" da parte dei banchi dell'opposizione. Ieri il ministro della Giustizia Zbigniew Ziobro ha dichiarato che il ddl "protegge e ripristina un normale stato delle cose nel sistema giudiziario polacco". "Questa legge protegge lo stato di diritto democratico", ha detto, che alcuni stanno cercando di minare innescando "caos, anarchia e illegalità".

Corte Suprema nel mirino

Secondo la Corte Suprema, la normativa sotto esame dei deputati "evidentemente" punta a permettere al presidente Andrzej Duda, alleato del PiS, di nominare un nuovo capo prima delle elezioni presidenziali di maggio. Attualmente a guidare il più alto organismo giudiziario del Paese è Malgorzata Gersdorf, fiera oppositrice delle riforme governative, che per il 17 marzo ha convocato una riunione di tutti i giudici proprio per partecipare al processo di selezione del nuovo responsabile, in vista della fine del suo incarico ad aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

Torna su
EuropaToday è in caricamento