rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Energia / Polonia

La Polonia vuole sostituire il carbone con il nucleare grazie a Usa e Corea del Sud

Varsavia ha siglato due accordi con la statunitense Westinghouse e Seul. L'obiettivo è produrre con i reattori un terzo dell'elettricità del Paese entro il 2040

La Polonia vuole diventare una potenza della produzione di energia nucleare e ridurre così la sua dipendenza dal carbone, la più alta tra i Paesi dell'Unione europea. Per farlo, non sta guardando al suo vicino, nonché partner Ue, con la tecnologia atomica più avanzata, ossia la Francia, ma a Stati Uniti e Nord Corea. Nel giro di pochi giorni, infatti, Varsavia ha firmato accordi con la statunitense Westinghouse e Seul per costruire due centrali. Il piano prevede in tutto 8 reattori per soddisfare un terzo del suo fabbisogno elettrico entro il 2040.

L'ultima intesa è stata siglata con la Corea del Sud per la costruzione di 4 reattori vicino la città di Konin, nel centro del Paese. "L'energia nucleare è sicura, pulita e rispettosa dell'ambiente", ha affermato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki in un post su Facebook. La Polonia dipende per circa il 70% della sua produzione di elettricità dal carbone, ma le sanzioni Ue alla Russia hanno messo a repentaglio le forniture di lignite. 

L'altro accordo siglato da Varsavia riguarda la costruzione di una centrale nel nord del Paese. I lavori saranno affidati alla statunitense Westinghouse, che ha battuto la concorrenza della francese Edf. Secondo le indiscrezioni circolate finora, quello made in Usa sarà il primo impianto nucleare polacco a entrare in funzione. L'operatività piena è prevista per il 2033. Il segretario all'Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm ha accolto con favore la decisione di Varsavia, definendola un " grande passo avanti nel rafforzare le nostre relazioni con la Polonia per le generazioni future". "Questo annuncio invia anche un messaggio chiaro alla Russia: non permetteremo più loro di armare l'energia", ha detto Granholm in un tweet. "L'Occidente si unirà contro questa aggressione non provocata, diversificando anche le catene di approvvigionamento energetico e rafforzando la cooperazione sul clima", ha aggiunto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polonia vuole sostituire il carbone con il nucleare grazie a Usa e Corea del Sud

Today è in caricamento