rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità

La Polonia alza un muro da 350 milioni di euro per fermare i migranti

Via libera alla costruzione della barriera al confine con la Bielorussia. Ong contro Varsavia: "Rispingimenti illegali, già 5 morti"

Il Parlamento polacco ha dato il via libera alla costruzione di un muro lungo il confine con la Bielorussia per fermare l'arrivo di migranti, anche di potenziali richiedenti asilo dall'Afghanistan. La barriera costerà 350 milioni di euro. Nonostante le richieste di Varsavia, la Commissione europea ha spiegato che non contribuirà all'opera con fondi Ue. Ma, a differenza della posizione presa in passato in simili occasioni, stavolta Bruxelles si è detta d'accordo sull'opportunità di alzare muri anti-migranti. 

Il muro

Il governo polacco ha giustificato la costruzione della barriera alla luce delle tensioni tra l'Europa e la Bielorussia. Minsk, sull'esempio di quanto fatto in passato dalla Turchia con la Grecia, starebbe favorendo il passaggio di migranti verso l'Ue come strumento di pressione diplomatica su Bruxelles, che ha elevato delle sanzioni contro il governo bielorusso in seguito alla dura repressione delle proteste dell'opposizione nel Paese. Sullo sfondo, c'è l'importanza strategica geopolitica dell'ex Stato sovietico, il cui governo è sostenuto da Mosca. 

Al di là delle ragioni dello scontro, resta il nodo umanitario. Migliaia di migranti stanno cercando di attraversare il confine tra Bielorussia e Polonia (ma anche quelli lettone e lituano) e la pressione dovrebbe aumentare nei prossimi mesi con l'arrivo dei profughi in fuga dall'Afghanistan governata dai talebani. Varsavia ha inviato nelle scorse settimane circa 500 militari al confine per fermare i flussi. Le organizzazioni denunciano violenze e respingimenti che sarebbero illegali secondo la Convenzione di Ginevra e la Convenzione europea dei diritti umani, poiché tra coloro che sono rimandati indietro ci sono anche richiedenti asilo.  "Usiamo tutti i mezzi legali per proteggere il confine", ha detto mercoledì a Radio Plus il vice ministro degli Interni Maciej W?sik . "I nostri metodi non differiscono da quelli utilizzati da Lituania, Lettonia o altri Paesi".

Respingimenti illegali

In realtà, una differenza c'è: Lituania e Lettonia hanno concesso all'agenzia di frontiera dell'Ue Frontex, che tra l'altro ha sede a Varsavia, di inviare suoi ispettori ai loro confini per supervisionare le operazioni. La Polonia ha invece negato l'accesso a Frontex e ai giornalisti. Per le ong, questo dimostrerebbe che il governo polacco vuole nascondere azioni contrarie al diritto internazionale. "Stiamo osservando i tipici respingimenti", ha affermato Ma?gorzata Jazwinska dell'Associazione per l'intervento legale, una ong che documenta i casi dei migranti che sono stati respinti con la forza al confine. “I migranti, che si trovano già in territorio polacco, dichiarano di voler chiedere protezione internazionale, ma la loro richiesta non viene accolta. Invece di accettare le loro domande, come richiesto dalla legge, le guardie di frontiera riportano queste persone al confine", ha affermato Jazwinska.

Anche l'Onu ha criticato i respingimenti: "Mettono in pericolo vite umane e sono illegali secondo il diritto internazionale", hanno dichiarato l'Organizzazione internazionale per le migrazioni e l'Unhcr in una nota congiunta. “Sebbene gli Stati abbiano il diritto sovrano di gestire i propri confini, ciò non è incompatibile con il rispetto dei diritti umani, compreso il diritto di chiedere asilo”, hanno affermato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polonia alza un muro da 350 milioni di euro per fermare i migranti

Today è in caricamento