menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Twitter/@JanGrabiec

Twitter/@JanGrabiec

Polonia, deputati “impiccati” alla manifestazione dell'estrema destra

E' successo a Katowice. I sei europarlamentari finito nel mirino per aver condannato, con un voto a Strasburgo, la situazione dello stato di diritto nel loro paese. Bruxelles preoccupata dalla crescita dei movimenti xenofobi e anti-Ue 

Sei eurodeputati “impiccati” a delle forche. E' l'immagine shock che sta sollevando polemiche in tutta Europa e che riprende un gruppo di estremisti di destra polacchi durante una manifestazione a Katowice. A finire nel mirino dell'ultradestra polacca sono stati sei eurodeputati dell'opposizione Piattaforma civica, “colpevoli” di aver votato a Strasburgo una risoluzione del Parlamento Ue che condanna la situazione dello stato di diritto in Polonia. La foto è stata pubblicata su Twitter dal portavoce di Po, Jan Grabiec, che ha chiesto alle autorità di reagire. 

I rapporti tra Varsavia e Bruxelles si sono raffredati da tempo, da quando il partito Diritto e Giustizia è salito al potere con la premier Beata Szyd?o con un programma di riforme costituzionali che, a detta dei contestatori, rischia di ridurre l'autonomia della magistratura accentrando i poteri nelle mani dell'esecutivo. Preoccupano, poi, le proposte di legge volte a limitare il diritto all'aborto e la libertà di stampa.

Alle azioni del governo si aggiunge la crescita di agibilità politica da parte dei gruppi di estrema destra, che con Diritto e Giustizia al potere godono di maggior libertà di azione, tanto da diventare un punto di riferimento per altri gruppi affini di mezza Europa. Lo si è visto l'11 novembre, in occasione della giornata dell'indipendenza polacca, quando si sono ritrovati a Varsavia estremisti non solo polacchi, ma anche di altri paesi Ue, come l'italiana Forza Nuova. Una marea “nera” che inneggiava alla supremazia dei bianchi, con slogan antisemiti e anti-islam e con dichiarazioni come quella del partito dell’ONR, che dice di voler “preservare l’omogeneità etnica della Polonia e la fede cattolica sotto l’ordine politico militare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento