rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Sanzioni / Belgio

Ogni anno decine di poliziotti trovati sotto effetto di droga o alcol: il dossier

Negli ultimi cinque anni in Belgio oltre 380 sanzioni disciplinari. Il sindaco di Anversa (di destra): "Ci sono superiori che sniffano come matti"

Ogni anno in Belgio, decine di agenti di polizia vengono condannati per uso di alcol e droga, spesso sul luogo di lavoro. Negli ultimi cinque anni, le sanzioni disciplinari legate a questi casi sono state oltre 380, di cui solo 29 hanno portato a licenziamenti. È quanto emerge dai dati di un dossier del ministero dell'Interno del Belgio, che ha voluto studiare il fenomeno dopo i casi eclatanti di poliziotti, anche di alto livello, arrestati per complicità con i sempre più potenti clan della droga, o addirittura invischiati direttamente nello spaccio. "Ci sono superiori che sniffano come matti. Occorre dare un segnale forte" , aveva tuonato qualche settimana fa Bart De Wever, sindaco di destra di Anversa, il cui porto è diventato una delle principali porte d'ingresso della cocaina dal Sud America.

A sollevare il polverone era stato un sindacato di polizia: "Alcuni agenti non solo consumano droga, ma la vendono o aiutano gli spacciatori dando loro informazioni riservate", aveva denunciato l'organizzazione dei lavoratori delle forse dell'ordine, Snps. Che un sindacato denunci pubblicamente il problema della droga tra i suoi ranghi non è cosa di tutti i giorni, anche in Belgio. "Purtroppo, questo è un problema sociale", afferma Luc Goos, portavoce di Snps. Un fenomeno che va avanti da anni. Gli agenti di polizia che vengono scoperti spesso hanno una seconda possibilità "quando si tratta di un uso non problematico di droghe", afferma Goos. Tuttavia “non si tratta solo di agenti che consumano in privato, ma anzi, a volte, di poliziotti che si dedicano alla vendita, anche che danno una mano agli spacciatori dando un'occhiata alla loro pratica”, dice il portavoce. "Il numero di casi può essere insignificante, ma dagli ufficiali ci si aspetta tolleranza zero".

Secondo quanto reso noto dalla ministra dell'Interno Annelies Verlinde, tra il gennaio 2017 e il luglio 2022 sono state emesse 380 sentenze disciplinari nei confronti di agenti. La sanzione più frequente è il rimprovero (128), seguita dalla detrazione dello stipendio (127). Il problema è soprattutto l'alcol, con 125 sanzioni per chi beve prima e durante l'orario di lavoro. La maggior parte delle sanzioni disciplinari (224) era dovuta al consumo di alcolici fuori dal servizio. Oltre all'alcol, l'uso di droghe è stato sanzionate 31 volte, anche se i dati non indicano di che tipo si stupefacenti si trattasse.

A differenza di Snps, gli altri sindacati di polizia sono meno allarmisti: secondo quanto dichiarato a Knak da Dirk Lauwers del sindacato Sypol, la polizia è la professione più controllata del Paese. Il fatto che in media ci sia più di una sanzione disciplinare a settimana, su un totale di 48mila dipendenti, mette le cose in prospettiva. "Non dirò che il numero è trascurabile, ma è molto basso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ogni anno decine di poliziotti trovati sotto effetto di droga o alcol: il dossier

Today è in caricamento