rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Scene da film / Francia

Venti poliziotti incappucciati fanno irruzione all'alba e ammanettano una famiglia, ma era la casa sbagliata

Agenti speciali della polizia francese sono entrati nell'abitazione di un camionista e della compagna, convinti di trovare dei sospetti. I malcapitati puntano ad un risarcimento

Un uomo, una donna e il loro figlio sono stati ammanettati da una ventina di uomini incappucciati, che avevano fatto irruzione all'alba nella loro casa. A condurre l'azione è stato un reparto speciale della polizia francese, impegnata nella ricerca di alcuni sospetti per danni arrecati ad un'azienda. Peccato che gli agenti avessero sbagliato casa. Il fatto risale alla mattina dell'8 aprile, quando la Brigata di ricerca e intervento (Bri) è entrata per errore nell'abitazione di una famiglia vicino a Rouen, nel Nord della Francia. La polizia ha fatto irruzione per arrestare delle persone sospettate di danni commessi sul sito della cementeria Lafarge lo scorso dicembre a Val-de-Reuil.

Poco prima delle 6 del mattino un camionista di 50 anni, il signor Marc (nome di fantasia), si stava preparando per uscire di casa e andare al lavoro. Quando ha aperto la porta si è trovato davanti una ventina di agenti di polizia armati, incappucciati e con l'elmetto, pronti a sfondare la sua porta. Il cinquantenne ha chiesto spiegazioni, precisando di abitare nella casa da soli tre mesi. Ha suggerito agli agenti che potesse trattarsi di un errore ma i poliziotti si sono precipitati in casa. Al primo piano hanno trovato la compagna di Marc (nome di fantasia) che si era appena alzata dal letto.

"Ero mezza nuda, sono stati subito molto violenti e molto aggressivi. Ho chiesto loro se potevo almeno vestirmi e questo li ha fatti impazzire", ha dichiarato alla stampa locale la donna di 54 anni. "Mi hanno messo in ginocchio con le mani in aria e mi hanno ammanettato. Ho chiesto loro cosa stesse succedendo, tremavo, piangevo. Niente, nessuna parola", ha testimoniato. Alla fine la polizia le ha permesso di vestirsi prima di ammanettarla.

Indirizzo cambiato

Al primo piano della casa si trovava anche il figlio diciottenne della coppia. "Mi hanno tirato giù il piumone e mi hanno ammanettato, ma non capivo cosa stesse succedendo", ha ricordato il ragazzo, che studia psicologia. Solo dopo una mezz'ora di intervento gli agenti hanno accertato l'identità della famiglia, lasciando la casa senza fornire spiegazioni. "Ci hanno solo detto 'scusate per l'inconveniente' ", ha affermato la donna, che lavora come insegnante danza. "Era come un brutto film o un videogioco", ha aggiunto.

La coppia sostiene di fare fatica a riprendersi dall'incidente. Il camionista è tornato al lavoro il 9 aprile, ma uscendo di casa ha iniziato a guardare fuori per verificare se ci fosse qualcuno ad attenderlo. Dopo l'irruzione il figlio della coppia si è invece recato subito all'università per un esame. Il pubblico ministero di Evreux, Rémi Coutin, si è detto "dispiaciuto", confermando che si è trattato di un errore da parte della polizia dovuto "ad un cambio di indirizzo della persona che la polizia cercava di arrestare". La coppia ha contattato un avvocato e sta valutando se intraprendere un'azione legale per ottenere un risarcimento.

Continua a leggere le notizie di Mondo su Today.it
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venti poliziotti incappucciati fanno irruzione all'alba e ammanettano una famiglia, ma era la casa sbagliata

Today è in caricamento