La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

L'azienda italiana ha vinto la sua battaglia legale e l'Ufficio dell'Unione europea per la Proprietà intellettuale ha bloccato la commercializzazione del prodotto

La Vespa Primavera - foto dal sito Piaggio

Questa volta la Piaggio ha vinto la sua battaglia per la difesa dell'unicità della famosissima Vespa. L'Unione europea ha dichiarato nullo il design registrato da una società cinese troppo simile all'iconico scooter italiano.

La decisione

Lo ha reso noto lo stesso gruppo di Pontedera, specificando che "l'invalidity division dell'Ufficio dell'Unione europea per la Proprietà intellettuale (Euipo) ha dichiarato nullo il design registrato da un soggetto di nazionalità cinese, usato per giustificare la produzione di scooter simili a Vespa ed esposti al salone milanese delle due ruote, Eicma 2019, fatti rimuovere dalle autorità competenti dell'ente Fiera su iniziativa di Piaggio".

La Vespa Primavera

Oggi invece l'invalidity division dell'Euipo ha annullato la registrazione di questo altro motorino ritenendolo "incapace di suscitare un'impressione generale differente rispetto al design registrato" della Vespa Primavera, evidenziando che ne rappresentava un illecito tentativo di riproduzione dei suoi fregi estetici. Vespa Primavera è protetta dal design registrato dal Gruppo Piaggio nel 2013, dal marchio tridimensionale relativo allo scooter Vespa e dal diritto d'autore che tutela il valore artistico della forma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le altre contraffazioni

Tale azione di nullità, continua la nota del gruppo italiano, "si inserisce all'interno di una più ampia attività di lotta alla contraffazione che Piaggio intraprende da anni e che prevede il costante monitoraggio delle banche dati di design e marchi registrati a livello internazionale, che, a seguito di procedimenti di opposizione instaurati da Piaggio, ha portato tra l'altro a ottenere la cancellazione di oltre 50 marchi registrati da terzi negli ultimi due anni". IN un caso simile però l'azienda invece a settembre aveva perso, sempre in sede Ue, il ricorso presentato nel 2014 per bloccare il commercio dello scooter della società cinese Zhejiang Zhongneng Industry Group, che ricorda molto da vicino la ben più famosa Vespa LX. Quella per la Vespa sembra essere una passione intramontabile. Nel 2019 la Piaggio ha aumentato le sue vendite del 6% superando quota 330mila unità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • Grecia stanca della Troika: "Condizionalità nel Recovery Fund inaccettabili"

  • Saviano e Fazio a evento del Parlamento Ue, Lega attacca: "Siamo messi bene"

Torna su
EuropaToday è in caricamento