“Il Pd sostenga un governo M5s”: da Strasburgo arriva l'appello "antifascista" della sinistra europea

A lanciarlo l'eurodeputata italiana Barbara Spinelli e il collega Pascal Durand. “Mettete i calcoli elettorali da parte e date all'Italia un governo nel quale l'estrema destra non avrà posto”. Perché “il fascismo è alle porte” dell'Europa. Il nemico? Il duo Salvini-Le Pen

Da sinistra: Barbara Spinelli, Pascal Durand, Luigi Di Maio, Matteo Renzi / Foto da Ansa e Europarl

“Occorre costruire l'alternativa a un governo che aprirebbe al nazionalismo, al razzismo e alla xenofobia”. E per questo, “pensiamo che il Partito democratico debba tentare un negoziato con M5s e Liberi e Uguali” per formare un nuovo esecutivo in Italia. Firmato Pascal Durand e Barbara Spinelli, ossia due degli eurodeputati più influenti di quel fronte di sinistra del Parlamento europeo che va dal gruppo Gue (Lista Tsipras per intenderci) ai Verdi. Sono loro a intestarsi l'appello che sta facendo proseliti a Strasburgo e che è stato rilanciato oggi in Italia sulle pagine del Fatto Quotidiano, alla vigilia della delicata direzione dei dem.

Il M5s forza “por-europea”

L'appello non è solo una sponda in più a chi nel Pd (pochi in realtà) chiede di sotterrare l'ascia di guerra e sostenere il partito di Di Maio in chiave anti-centrodestra (e Lega), ma rappresenta anche una svolta nei rapporti tra i 5 Stelle e un pezzo storico della politica europea. L'M5s, infatti, ha cercato nel recente passato di accreditarsi al Parlamento Ue come forza pro-europea per far dimenticare la decisione iniziale di iscriversi al gruppo dell'Ukip di Nigel Farage, uno dei promotori della Brexit. Prima i contatti con i Verdi caduti nel vuoto, poi il passaggio saltato all'ultimo minuto nel gruppo dei liberali dell'Alde. 

L'elezione di Castaldo

Il muro ha incominciato a infrangersi quando Strasburgo ha votato a favore della nomina di un esponente pentastellato, Fabio Massimo Castaldo, alla vicepresidenza del Parlamento europeo. E adesso, con l'affermazione elettorale del 4 marzo, le posizioni più “morbide” su Euro e Ue di Luigi Di Maio, ma anche le prospettive di un'avanzata della destra di Matteo Salvini e Marine Le Pen a fronte di un calo di consensi preoccupante del centrosinistra europeo, a Strasburgo si comincia a guardare al Movimento 5 Stelle come un'ancora di salvezza dalla deriva populista. Già, proprio quel populismo di cui finora Di Maio e i suoi sono stati ampiamente accusati in Italia e a Bruxelles. 

L'appello di due figli della Resistenza

I primi a tendere una mano sono i Verdi e il gruppo della sinistra Gue (a cui fanno riferimento Podemos, Siriza e Potere al Popolo). Il nome di Barbara Spinelli, poi, è di primissimo piano in Europa, dato che sua padre Altiero è uno dei padri dell'Unione europea, nonché antifascista costretto al confino. E' il filo dell'antifascismo italiano che porta a Durand, l'altro promotore dell'appello: esponente di spicco dei Verdi francesi, il padre di Durand era italiano e fu costretto a lasciare il paese per la sua opposizione a Mussolini. 

“Noi, figli di militanti antifascisti – scrivono non a caso nell'appello – di chi ha resistito all'odio e all'oppressione”, ricordiamo “cio' che i nostri genitori ci hanno raccontato: che il fascismo si alimenta sempre della codardia e della rassegnazione degli altri, oltre che dell'ostinazione a preservare, sia pure momentaneamente, l'illusoria purezza della loro immagine”. 

Il nemico, insomma, è alle porte. E il Movimento 5 Stelle puo' essere un argine, dato che, ricordano Durand e Spinelli, “noi lavoriamo quotidiamente con gli eletti” del M5s e “sappiamo come le nostre voci si uniscano sempre nel Parlamento europeo quando si tratta di promuovere la solidarietà e la democrazia”. 

Il rischio “neo-fascista”

Da qui l'appello al Pd affinché rinunci a “compiacersi in una confortevolo opposizione”, un comportamento non “all'altezza della sfida di oggi, cioè difendere in Europa i diritti e le libertà fondamentali, i principi comuni sui quali si è costruita l'unione del nostro continente”. 

“Cari amici del Partito democratico – concludono – ci sono scenari ben peggiori di quello indicato da Renzi, di divenire 'la stampella di un governo anti-sistema'. Potreste diventare il predellino di un governo neo-fascista”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stop di Renzi

Un messaggio alto, insomme, che pero' rischia di cadere nel vuoto. "Non esiste governo guidato dai 5 Stelle che possa ottenere il via libera del Pd – ha detto oggi Matteo Renzi sul Corriere - Abbiamo detto che non avremmo mai fatto il governo con gli estremisti, e per noi sono estremisti sia i 5 Stelle che la Lega. L’unico modo che hanno per fare un governo è mettersi insieme, se vogliono".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento