rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Il sermone alle forze armate / Russia

Il patriarca Kirill: "Amiamo la pace, ma dobbiamo difenderci come solo i russi sanno fare"

Il capo della Chiesa ortodossa di Mosca si schiera di nuovo a favore dell'invasione dell'Ucraina. Ma nell'istituzione cominciano ad alzarsi voci critiche nei confronti del conflitto

La Russia è un “Paese amante della pace”, ma adesso “deve difendersi”, e deve farlo “come solo i russi sanno fare”. A schierarsi di nuovo a favore dell'invasione dell'Ucraina è il patriarca Kirill, che ieri ha tenuto una celebrazione nella cattedrale della Resurrezione, la principale delle forze armate, che è stata aperta due anni fa a Kubinka, vicino Mosca. "Siamo un Paese che ama la pace" e "non abbiamo alcun desiderio di guerra", ma "amiamo la nostra Patria e saremo pronti a difenderla nel modo in cui solo i russi possono difendere il loro Paese", ha detto il capo della Chiesa ortodossa.

Gli aggiornamenti dalla guerra in diretta

"Il Signore ci aiuti anche oggi, affinché noi, popolo pacifico, amante della pace e modesto, siamo insieme pronti, sempre e in ogni circostanza, a proteggere la nostra casa", ha detto nella predica, sostenendo che "la maggior parte dei Paesi del mondo sono ora sotto l'influenza colossale di una forza, che oggi, sfortunatamente, si oppone alla forza del nostro popolo. E poiché è cosi', poiché c'è una grande forza, allora dobbiamo anche essere molto forti".

"Quando dico 'noi', intendo, prima di tutto, le Forze Armate, ma non solo. Tutto il nostro popolo oggi deve svegliarsi, svegliarsi, capire che è giunto un tempo speciale, da cui può dipendere il destino storico del nostro popolo", ha continuato il patriarca di Mosca. Il 75enne Kirill, considerato un alleato chiave del presidente Vladimir Putin, ha già rilasciato controverse dichiarazioni in difesa dell'invasione dell'Ucraina, come quella in cui ha detto di considerarla come un baluardo contro una cultura liberale occidentale che considera decadente, in particolare per l'accettazione dell'omosessualità.

Il suo sostegno all'intervento militare, in cui sono stati uccisi migliaia di soldati e civili ucraini, non è piaciuto a tutti all'interno della Chiesa ortodossa in patria così come nelle chiese all'estero legate al Patriarcato di Mosca. Quasi 300 membri di un gruppo chiamato “Preti russi per la pace”, hanno firmato una lettera di condanna degli "ordini omicidi" eseguiti in Ucraina. "Il popolo ucraino dovrebbe fare le sue scelte da solo, non sotto la minaccia delle armi, senza pressioni da occidente o orientale", si legge nella missiva.

Dei 260 milioni di cristiani ortodossi nel mondo, circa 100 milioni si trovano in Russia, ma molti di quelli all'estero sono comunque legati alla Chiesa di Mosca. Ma la guerra ha messo a dura prova quei rapporti. Ad Amsterdam i sacerdoti della parrocchia ortodossa di San Nicola hanno deciso di smettere di commemorare Kirill nei servizi. Un vescovo russo nell'Europa occidentale si è recato in visita per cercare di far cambiare idea, ma la parrocchia ha interrotto i legami con il Patriarcato di Mosca, definendo la decisione un "passo molto difficile e fatto con dolore nel cuore". "Kirill ha semplicemente screditato la Chiesa", ha affermato il reverendo Taras Khomych, docente di Teologia alla Liverpool Hope University e membro della Chiesa cattolica di rito bizantino dell'Ucraina. "Più persone vogliono parlare in Russia, ma hanno paura", ha detto alla Reuters.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il patriarca Kirill: "Amiamo la pace, ma dobbiamo difenderci come solo i russi sanno fare"

Today è in caricamento