Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Passaporto vaccinale sulla Immuni francese: la scommessa di Parigi per ricominciare a viaggiare

La Francia è il primo Paese a sperimentare un lasciapassare accessibile direttamente dalla tracing app. Per il momento, servirà solo ad accelerare i controlli. Ma la stampa avverte: in futuro potrebbe servire per andare a concerti e festival

Foto dal profilo Twitter @franceinfo

Mentre a Bruxelles vanno avanti i negoziati tra Paesi Ue sul certificato che permetterà di riprendere a viaggiare, la Francia ha dato il via alla sperimentazione di un passaporto vaccinale utilizzabile direttamente grazie alla tracing app attiva da fine maggio 2020. Tous Anti Covid, ovvero la Immuni francese, dal 29 aprile sarà capace di includere i certificati di vaccinazione, mentre già da qualche giorno è possibile accedere ai risultati dei tamponi. Un modo per riutilizzare il programma per smartphone pensato per il tracciamento dei casi di Covid quando ancora la patologia era poco diffusa. 

A cosa servirà

Le autorità francesi hanno subito rassicurato i cittadini: per ora non c’è nessun obbligo di scaricare l’app e si può continuare a stampare le certificazioni o mostrare la mail con il QR code che permette la verifica dell’avvenuto test negativo o della somministrazione del vaccino. In questa fase di sperimentazione, la app verrà usata solo per accelerare i controlli sui voli da e per la Corsica e negli altri collegamenti verso i territori francesi d’oltremare. Tuttavia, secondo il quotidiano ‘Le Monde’, il sistema potrebbe presto essere adottato per l’ammissione a eventi pubblici come concerti, festival e fiere.

La app

Lanciata a maggio 2020 con il nome di Stop Covid, la app francese di tracciamenti dei casi di coronavirus è stata ribattezzata Tous Anti Covid a fine ottobre. L’ultimo aggiornamento della tracing app che permetterà l’accesso a un passaporto vaccinale è un esperimento che potrebbe incoraggiare altri Paesi Ue a riutilizzare le tante app lanciate nei primi mesi della pandemia per garantire il controllo dei contatti tra negativi e contagiati. “La Francia - ha detto Cedric O, sottosegretario al Digitale - sarà il primo Paese a mettere a disposizione dei cittadini questa possibilità di certificazione dei test anti Covid-19”.

Il pass vaccinale nell'Ue

Il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, ha ribadito anche ieri che il certificato vaccinale Ue, chiamato digital green certificate nei documenti della Commissione, dovrebbe essere operativo entro l’inizio dell’estate. Tuttavia, gli Stati membri avranno forte voce in capitolo in merito ai requisiti di ammissione dei viaggiatori, come al tipo di vaccino o di tampone negativo che permetterà l’ingresso nel Paese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passaporto vaccinale sulla Immuni francese: la scommessa di Parigi per ricominciare a viaggiare

Today è in caricamento