Cambiare passaporto per non perdere il posto: Juncker propone di dare la cittadinanza belga ai funzionari Ue britannici

Sono un migliaio i funzionari di Sua Maestà al servizio presso le istituzioni Ue, con la Brexit il loro status e soprattutto il loro lavoro è in pericolo. Il Presidente della Commissione Ue ha chiesto al premier belga di conceder loro la nazionalità belga. Da superare ci sono dei problemi legali...

L'Atomium di Bruxelles. EPA/OLIVIER HOSLET

Cittadinanza belga contro la Brexit. L'idea è del Presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker che ieri ha chiesto al primo ministro belga Charles Michel di elargire i passaporti ai funzionari comunitari in quota Regno Unito, in modo da assicurare loro un futuro nella macchina istituzionale eruopea dopo che il divorzio di Londrà verrà consumato. 

Un nuovo passaporto per 1.000 funzionari

In un dibattito sul futuro dell'Europa andato ieri in scena al Parlamento Ue e dopo aver lodato il Belgio per l'ospitalità riservata alle istituzioni comunitarie, Juncker ha chiesto a Michel di "dimostrare la stessa generosità quando si tratta di conferire la nazionalità belga ai funzionari britannici che sono qui a Bruxelles". I funzionari europei con nazionalità britannica che lavorano presso le istituzioni Ue sono un migliaio, di cui circa 800 alla Commissione.

Nonostante Juncker abbia rassicurato più volte i funzionari britannici sul fatto che non verranno licenziati dopo l'uscita del Regno Unito dal club comunitario, il loro status rimane incerto e dipenderà dall'esito dei negoziati sulla Brexit e dal regime delle future relazioni tra Bruxelles e Londra.

Problemi legali

"Bruxelles è accogliente e siamo felici di essere qui", ha detto Juncker, che poi ha assicurato che secondo lui i funzionari britannici "meritano" la nazionalità belga. La legislazione del Belgio prevede la possibilità di richiedere la nazionalità per le persone che vivono nel paese da almeno cinque anni, ma negli ultimi mesi decine di britannici si sono visti rifiutati la loro richiesta perchè, in quanto funzionari britannici con uno status equivalente a quello dei diplomatici, non hanno una piena residenza legale e non pagano le tasse del paese. 

Juncker si è detto "assolutamente sicuro" che il premier Michel "terrà conto delle mie richieste" perchè quello belga è un primo ministro che può essere "estremamente generoso". Nella sua replica, Michel non ha risposto direttamente, limitandosi a riconoscere che c'è una "giurisprudenza contraddittoria" sulla concessione della nazionalità da parte delle autorità del Belgio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Vietata la bandiera italiana al Parlamento europeo”, la Lega attacca Sassoli

  • Smog, Italia è il secondo Paese Ue più inquinato dopo la Romania

  • “No alle bombe nucleari Usa a casa nostra”. Scoppia il caso in Belgio, ma riguarda anche l’Italia

  • “Se studi il Comune ti cancella i debiti”, l'iniziativa per 'salvare' i giovani disoccupati

  • Dai migranti alle armi, ecco come l’Ue si prepara a cambiare la missione Sophia

  • Gli psichiatri vogliono i dati riservati dei social per prevenire i suicidi dei giovani

Torna su
EuropaToday è in caricamento