A Parigi vietato uscire di notte: l'annuncio di Macron

L'Eliseo rassicura: "Non abbiamo perso il controllo". Ma il Governo impone un coprifuoco di quattro settimane dalle 21 alle 6 del mattino nelle regioni più colpite dalla seconda ondata di Covid-19

EPA/Guillaume Horcajuelo

Coprifuoco di quattro settimane dalle 21 alle 6 nella regione e nelle città dove "il virus circola rapidamente". Lo ha annunciato il presidente francese Emmanuel Macron in un intervento in tv nel quale ha precisato che la misura sarà in vigore a partire dalla mezzanotte tra sabato e domenica. "La decisione che noi abbiamo preso si applicherà alla regione dell'Ile de France (quella di Parigi, ndr) e a otto metropoli: Grenoble, Lille, Lione, Aix-Marseille, Rouen, Tolosa, Montpellier, Saint Etienne. Sarà dalle 21 alle 6 e durerà quattro settimane. Noi andremo davanti al Parlamento per prolungarlo fino al primo dicembre. Sei settimane è un tempo che ci sembra utile".

Per far rispettare il coprifuoco "ci saranno dei controlli, multe di 135 euro e, in caso di recidiva, di 1.500”, ha annunciato il presidente francese. Macron ha poi promesso che si agirà "in modo proporzionato: quello che spero, è che tutti siano consapevoli dei rischi e della sfida".  Il capo dell’Eliseo ha spiegato che "per coloro che rientrano dal lavoro dopo le 21 ci sarà un'autorizzazione, come per quelli che hanno un'urgenza sanitaria. Non ci sarà un divieto di circolare, ma una limitazione stretta”. Ad esempio, “non si andrà più al ristorante, a fare festa, o dagli amici" dopo le 21. Il presidente ha poi assicurato che "si continuerà a lavorare, la nostra economia ne ha bisogno, anche la nostra società: mi felicito che il rientro a scuola sia riuscito, si deve continuare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non abbiamo perso il controllo", rassicura il capo dell’Eliseo ma "i nostri pronto soccorso, i nostri servizi ospedalieri sono in una situazione più preoccupante di prima". Il presidente ha poi sottolineato che "oggi il virus è dappertutto in Francia". “Ogni giorno - ha ricordato - circa 200 francesi vengono ricoverati in rianimazione, è una pressione non sostenibile", mentre da giorni si superano quotidianamente i 20mila casi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento