A Parigi mancano i reagenti: caos sui test anti-Covid

Code davanti ai laboratori per via delle carenze di materiale per i tamponi. Il problema sono i ritardi nelle importazioni da fuori l'Unione europea

Dopo la corsa a moltiplicare i tamponi alla popolazione, la Francia è costretta a frenare per la penuria di reagenti. Secondo quento riporta l'Ansa, diversi laboratori parigini sono costretti da qualche giorno a respingere le persone - spesso in attesa fuori dai locali per evitare assembramenti - perché non più in grado di praticare i test.

Alcuni giorni fa, il ministro della Salute, Olivier Véran, aveva smentito che esistesse un problema di mancanza di reagenti, ma fonti del ministero della Salute hanno precisato che - anche se non c'è un'emergenza - si può parlare di situazione di "tensione". I responsabili dei laboratori francesi affermano che sugli ordini effettuati, si riceve in genere metà del previsto e con ritardi di alcune settimane. Il motivo è soprattutto la distribuzione, visto che soltanto una piccola parte dei prodotti necessari ai tamponi viene fabbricata in Francia o in Europa, e il mercato francese è in gran parte dipendente dalla produzione americana, cinese e sudcoreana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento