menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Distribuzione di cibo ai senzatetto di parigi - foto Ansa EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Distribuzione di cibo ai senzatetto di parigi - foto Ansa EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

"Oltre la metà dei più poveri di Parigi contagiati dal coronavirus"

Secondo uno studio di Medici senza frontiere ad ammalarsi in percentuali molto maggiori alle media sono stati i migranti nei centri di accoglienza, i senzatetto e le persone costrette a rivolgersi ai banchi alimentari

Oltre la metà dei residenti più poveri di Parigi hanno o hanno avuto il coronavirus. Lo sostiene Medici senza frontiere nello studio “Precarietà e sieroprevalenza del Covid-19 in Ile-de-France”, pubblicato proprio mentre la capitale della Francia è stata messa in un semi-lockdown con i bar chiusi e regole più stringenti per i ristoranti e la socialità in generale. Mentre ben il 40% dei posti di terapia intensiva è occupato da malati di coronavirus.

La Ong ha condotto test in rifugi di emergenza per migranti e senzatetto e nei centri di distribuzione alimentare tra fine giugno e inizio luglio, e ha rilevato che il tasso di positività era del 55% rispetto a solo il 12%, l'attuale percentuale dei contagiati da Covid-19 tra tutta la popolazione di Parigi. I migranti rappresentavano il 90% delle oltre 800 persone testate, ha detto MSF, aggiungendo che questo è stato il primo studio in Europa nel suo genere. Durante i tre mesi di blocco della Francia tra metà marzo e metà maggio, centinaia di migranti sono stati evacuati da campi improvvisati nelle strade e ospitati in palestre affollate e altre abitazioni temporanee. Il tasso in 10 rifugi è stato del 50,5% con quasi il 28% di quelli testati nei centri di distribuzione alimentare positivi. Ma il tasso di gran lunga più alto è stato registrato in due centri che ospitano lavoratori migranti, dove la positività nei test ha raggiunto l'89%, ha osservato Msf.

"I risultati confermano che la circolazione del virus è stata particolarmente attiva nelle situazioni in cui la promiscuità era più forte, ovvero quando le persone dovevano condividere stanza, docce e cucina con altri", ha sottolineato Thomas Roederer , l'epidemiologo responsabile dello studio . Paradossalmente quindi, la spinta a dare rifugio ai poveri e ai senzatetto in rifugi di emergenza durante il confinamento nazionale avrebbe potuto aggravare gli alti tassi di infezione, afferma lo studio. Questo perché tali rifugi non potevano assicurare il rispetto delle norme di sicurezza. Nei rifugi per lavoratori migranti, un terzo delle persone condivideva le stanze con da due a cinque persone e un ulteriore 21% con più di cinque persone.

“I dispositivi di emergenza che consentono di ricoverare temporaneamente persone senza dimora, soprattutto all'avvicinarsi del periodo invernale, non devono contribuire a creare nuove fonti di contaminazione ”, ha chiesto Corinne Torre, responsabile per le missioni in Francia di Msf. "I luoghi collettivi come le palestre dovrebbero quindi essere evitati il più possibile a favore di collocamenti in hotel e alloggi con spazi abitativi individuali che consentano l'efficace applicazione di misure preventive", ha aggiunto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento