Si allarga la Procura europea, aderiscono anche i Paesi Bassi

Lo strumento a cui partecipa anche l'Italia e con cui l'Ue intende perseguire i reati contro il bilancio comunitario, lavorando di concerto con le autorità nazionali, sarà operativa alla fine del 2020. Bruxelles: "Più Stati aderiranno più ampia sarà la sua portata"

© European Union

Si allarga la partecipazione alla Procura europea, lo strumento con cui l'Ue intende perseguire i reati contro il bilancio comunitario come le frodi, la corruzione, il riciclaggio di denaro e le frodi transfrontaliere in materia di Iva sopra i 10 milioni di euro. I Paesi Bassi sono ufficialmente il 21esimo Stato membro ad aderire.

"Lavoriamo insieme per fermare la criminalità"

“Poiché la criminalità non conosce frontiere, dobbiamo lavorare insieme per combatterla”, ha affermato la commissaria alla Giustizia, Vĕra Jourová, secondo cui “più Paesi Ue aderiranno, più ampia sarà la portata della Procura europea, e più soldi potranno essere recuperati” . Jourová ha esortato tutti gli altri Stati membri “ad aderire a questa rete essenziale per la lotta contro la frode e la corruzione, in modo da poter garantire che ogni centesimo del bilancio dell'Ue sia speso a vantaggio dei cittadini dell'Unione.” Gli Stati membri che non hanno ancora aderito alla Procura europea e desiderano farlo potranno aderire in qualsiasi momento in seguito all'adozione del regolamento. Il 14 giugno 2018 Malta ha notificato alla Commissione la sua intenzione di partecipare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche Malta pronta ad aderire

La Commissione sta esaminando la notifica e dovrebbe prendere una decisione quanto prima. Al momento i membri della Procura, che sarà operativa entro la fine del 2020, sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Portogallo, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Spagna e Slovenia. La Procura europea lavorerà di concerto con le autorità di contrasto nazionali e coopererà strettamente con altri organi dell'Ue, come Eurojust e Europol.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento