Ora legale per altri due anni, l'abolizione slitta al 2021

Inizialmente la Commissione aveva proposto il 2019 ma gli Stati membri, che sono in maggioranza favorevoli, hanno chiesto più tempo per adattarsi

L'Europa va verso l'abolizione dell'ora legale ma i tempi saranno più lungo di quelli previsti inizialmente. La Commissione aveva proposto come data il 2018 ma gli Stati membri hanno chiesto più tempo, fino al 2021. Lo dice Norbert Hofer, il ministro dei trasporti dell'Austria, Paese con la presidenza di turno della Ue, dopo che i governi dell'Unione Europea non sono riusciti a trovare un accordo sulla data del 2019 proposta da Bruxelles.

Tra gli Stati membri c'è "una maggioranza per la fine del sistema" del cambio di ora, ma "abbiamo bisogno di tempo per adattarci”, ha detto Hofer al termine di una riunione dei ministri dei Trasporti Ue. Sulla proposta della presidenza austriaca di rinviare al 2021 la fine del cambio d'ora "sono tutti d'accordo", ha detto Hofer. Lo stesso ministro ha però ammesso che almeno tre Paesi, il Regno Unito (che comunque in uscita), Polonia e Svezia, si sono mostrati "scettici". La presidenza austriaca ha anche proposto di introdurre una "clausola di salvaguardia" per permettere alla Commissione di rinviare ulteriormente la fine del cambio d'ora nel caso in cui dovessero emergere dei problemi imprevisti. "Per la clausola di salvaguardia, se alla fine la Commissione conclude che c'è una minaccia al buon funzionamento del mercato interno, allora delle misure concrete saranno adottate per modificare la decisione", ha spiegato Hofer.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È necessario prevedere più tempo" per cancellare il cambio tra ora legale e ora solare, ha detto anche il commissario ai Trasporti, Violeta Bulc, al termine della riunione. "Gli Stati membri hanno bisogno di più tempo prima di decidere", ha spiegato Bulc durante una conferenza stampa, confermando le parole della presidenza di turno austriaca secondo cui non c'è accordo tra i partner della Ue. La Commissione spera comunque che gli Stati membri arrivino a un accordo entro la fine dell'anno. "Abbiamo fino alla fine della presidenza austriaca in dicembre per avere un orientamento generale in Consiglio", ha detto Bulc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento