Mercoledì, 28 Luglio 2021
Attualità

L'Oms striglia l'Europa: "Campagna di vaccinazione inaccettabilmente lenta"

La scorsa settimana nel continente più di 1,6 milioni di persone hanno contratto il Covid-19, con 24mila decessi. “Le dosi rappresentano la migliore via d'uscita contro questa pandemia”

Foto Ansa Alessandro Di Marco

La campagna di vaccinazione in Europa è "inaccettabilmente lenta" mentre i casi continuano ad aumentare per la sesta settimana consecutiva. A strigliare l'Unione è stato l'ufficio europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità, sottolineando che la scorsa settimana più di 1,6 milioni di persone hanno contratto il Covid-19 nei 51 paesi europei dell'Oms, con 24mila decessi. La regione rimane la seconda più colpita dal coronavirus al mondo, con il totale dei morti che si avvicina rapidamente a un milione e i casi che stanno per superare i 45 milioni.

"Solo cinque settimane fa, il numero settimanale di nuovi casi in Europa era sceso a meno di un milione, ma ora la situazione nella regione è più preoccupante di quanto abbiamo visto in diversi mesi", ha sottolineato la dottoressa Dorit Nitzan, direttrice regionale dell'emergenza per l'organizzazione delle Nazioni Unite. L'aumento dei casi ha riguardato ogni fascia di età, tranne nelle persone di 80 anni o più, cosa che secondo l'Oms mostra "i primi segni dell'impatto della vaccinazione". Al contrario il Regno Unito sta procedendo a tutta velocità e secondo i calcoli dell'organizzazione questo ha permesso di salvare la vita ad almeno 6mila persone sopra i 70 anni da dicembre ad oggi.

"I vaccini rappresentano la nostra migliore via d'uscita da questa pandemia. Non solo funzionano, ma sono anche molto efficaci nel prevenire le infezioni”, ha affermato il dottor Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'Oms per l'Europa. Tuttavia, ha aggiunto, “la campagna vaccinale è inaccettabilmente lenta e finché che la copertura rimane bassa, dobbiamo applicare le stesse misure sanitarie e sociali che abbiamo applicato in passato, per compensare i ritardi nei programmi”. Secondo Kluge bisogna “accelerare il processo di vaccinazione aumentando la produzione, riducendo gli ostacoli alla somministrazione delle dosi e utilizzando ogni singola fiala che abbiamo in magazzino, e dobbiamo farlo ora".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Oms striglia l'Europa: "Campagna di vaccinazione inaccettabilmente lenta"

Today è in caricamento