rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità Paesi Bassi

Omicron inarrestabile, in Olanda i contagi aumentano nonostante il lockdown

Numero di contagi record nei Paesi Bassi eppure le ospedalizzazioni e i decessi sono in calo. Procede la campagna di richiamo con il 38% che ha avuto la terza dose di vaccino

La nuova variante Omicron sembra davvero impossibile dal contenere, al punto tale che in Olanda nemmeno il lockdown è servito a frenare l'avanzata del Covid e la nazione ha registrato un record di contagi. Un totale di 24.700 persone sono risultate positive al coronavirus , battendo di 110 malati il record quotidiano stabilito solo un giorno prima. Come se non bastasse le autorità sanitarie hanno affermato che un malfunzionamento tecnico potrebbe aver causato una sottostima del numero di infezioni, quindi i nueri sarebbero molto più alti.

La nuova ondata di contagi ha spinto la media settimanale fino a 18.932, un aumento del 50 per cento rispetto alla settimana precedente. Nonostante questo forte aumento, gli ospedali hanno visto però ridurre il numero di pazienti con Covid-19 in trattamento. Un totale di 1.551 letti di ospedale erano occupati da questi malati, un calo del 6 per cento in un giorno e del 17 per cento rispetto a una settimana fa. In tutto ci sono 429 persone in unità di terapia intensiva, di cui dieci negli ospedali tedeschi, si tratta di 30 pazienti in meno a ieri. Gli ospedali olandesi hanno ricoverato 121 pazienti con Covid-19 nelle ultime 24 ore, di cui 12 direttamente in intensiva, il totale giornaliero più basso dal 18 ottobre. In media, gli ospedali hanno ricoverato 146 pazienti ciascuno negli ultimi sette giorni, con una diminuzione settimanale del 19 percento. Sono stati poi segnalati 12 decessi, portando la media quotidiana settimanale a 21, anche qui una cifra in calo rispetto ai 39 decessi al giorno della settimana precedente.

Insomma nonostante l'alto numero di contagi la situazione sembra sotto controllo, il che è un buon segno. Anche i Paesi bassi stanno puntando molto sulla campagna di vaccinazione e stanno provando a recuperare il ritardi rispetto alla somministrazione della terza dose. Dall'inizio della campagna di richiamo, sono stati effettuati più di 5,5 milioni di iniezioni, ha riferito su Twitter il ministro della Salute uscente De Jonge. Secondo il ministero, il tasso di vaccinazione di richiamo è ora al 38%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicron inarrestabile, in Olanda i contagi aumentano nonostante il lockdown

Today è in caricamento