rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Il processo / Paesi Bassi

"Madrina della coca torturata a morte", nuova accusa contro il boss della Mocro mafia

La donna è scomparsa nel 2019, foto del suo assassinio trovate sul cellulare del presunto capo della criminalità organizzata marocchina che opera in Belgio e Paesi Bassi

Torturò a morte la 'Madrina della Coca', sua avversaria nello spaccio di stupefacenti in Olanda, per liberarsi così di una pericolosa concorrente. È questa l'ultima accusa mossa a carico Ridouan Taghi, ritenuto il boss della Moccro Mafia, la criminalità organizzata marocchina molto attiva in Belgio e nei Paesi Bassi, e che si trova sotto processo ad Amsterdam dove è accusato di omicidi multipli. Sul telefonino sequestrato all'uomo quando fu arrestato tra anni fa a Dubai, sono state trovate le foto che mostrano la tortura di una donna che somiglia molto a Naima Jillal, scomparsa nel 2019.

Secondo Het Parool, quotidiano olandese, le immagini sono state recentemente aggiunte alle prove contro Taghi nel cosiddetto caso Marengo, in cui lui e altri 16 sono accusati di aver organizzato sei uccisioni tra il 2015 e il 2017. Come spiega il Guardian, parlando con Het Parool, l'avvocato di Taghi, Inez Weski, ha affermato però che l'accusa non aveva basi su cui collegare il telefono o le immagini raccapriccianti a Taghi, un cittadino marocchino-olandese che era l'uomo più ricercato dei Paesi Bassi prima del suo arresto. Jillal, che aveva 54 anni quando è scomparsa, era conosciuta come la Madrina della Coca o come Tante Jillal (zia Jillal) nel mondo criminale. È stata vista per l'ultima volta salire su un'auto vicino a casa sua in Gustav Mahlerlaan ad Amsterdam verso le 21:30 di domenica 20 ottobre 2019, ma la sua famiglia ha detto che da allora è sparita.

Il lungo processo Marengo, il cui nome è stato scelto casualmente da un computer, ha rivelato la straordinaria portata e gravità delle violenze attorno alle bande di narcotrafficanti che operano nei Paesi Bassi ed è stato anche segnato dall'omicidio di persone legate al testimone principale dell'accusa, un ex membro della banda diventato informatore, chiamato Nabil B. Il fratello del testimone è stato assassinato nel 2018 e lo scorso anno è iniziato un processo separato contro tre uomini sospettati di aver ucciso a colpi di arma da fuoco il suo ex avvocato Derk Wiersum. Il portavoce di Nabil B, il giornalista Peter R de Vries, è stato ucciso per le strade di Amsterdam nel 2021.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Madrina della coca torturata a morte", nuova accusa contro il boss della Mocro mafia

Today è in caricamento