menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio del giornalista slovacco, per l'Europarlamento serve un'inchiesta con Europol

I deputati riuniti in Plenaria hanno chiesto norme più incisive per proteggere i reporter investigativi

Per risolvere il caso dell'omicidio di Ján Kuciak, il giornalista slovacco che ha indagato sulle irregolarità nell'uso dei fondi comunitari, servono indagini indipendenti e approfondite, con il pieno coinvolgimento di Europol. È questo è il messaggio principale del dibattito tenutosi mercoledì a Strasburgo in seguito all'omicidio del reporter investigativo e della sua compagna Martina Kušnírová. Per i deputati sono necessarie norme nazionali ed europee migliori per garantire l’incolumità di giornalisti, blogger e informatori nonché un controllo più efficiente sull’utilizzo dei fondi Ue.

La Plenaria ha anche discusso delle rilevazioni contenute nell’ultimo articolo di Kuciak, pubblicato postumo, che si occupava del presunto uso improprio di fondi Ue in Slovacchia e dei potenziali collegamenti tra gruppi della criminalità organizzata, nello specifico della ndrangheta calabrese, e politici slovacchi. I deputati hanno chiesto un’indagine approfondita su tali accuse, coinvolgendo anche l’Olaf (Ufficio antifrode europeo) ed esortato la Commissione europea a pubblicare nuovamente la relazione annuale dell’Ue sulla lotta alla corruzione.
Lo scorso 8 e 9 marzo è stato in missione in Slovacchia un gruppo di sei eurodeputati di tutti i gruppi politici per cercare di capire meglio la situazione, del gruppo faceva parte anche l'italiano Marco Valli per l'Efdd.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento