L'Olanda non chiude le scuole: “Avremmo carenze di poliziotti e infermieri”

Il primo ministro sotto accusa per aver scaricato ai presidi la responsabilità di chiudere gli istituti scolastici. E secondo gli esperti, i casi in Olanda potrebbero salire a 6mila

È polemica sulle nuove misure decise dal Governo olandese per combattere la diffusione del coronavirus. Maggioranza e opposizione contestano la scelta del premier Mark Rutte di non chiudere asili nido, scuole elementari e superiori perché costringerebbe il personale sanitario e gli ufficiali di polizia a rimanere a casa e ad occuparsi dei propri figli.

Critiche dalla maggioranza

Il partito di maggioranza D66 ha affermato che la decisione di non chiudere le scuole nelle zone già colpite dal virus pone troppe responsabilità sulle spalle dei presidi. Ma il primo ministro Mark Rutte ha dichiarato che sta seguendo il consiglio degli esperti nel mantenere aperte le scuole.

Le ragioni del Governo

“Dicono che i rischi medici per i bambini siano molto più bassi”, sostiene. “E le persone mi dicono che se chiudiamo le scuole ci mancheranno molti operatori sanitari, pompieri e agenti di polizia”. Rutte ha anche negato che i Paesi Bassi stiano minimizzando la malattia. “Stiamo prendendo tutte le misure necessarie a seconda delle fasi in cui ci troviamo”, ha detto. I ministri esamineranno inoltre l'opzione di rifiutare i voli provenienti da Paesi in cui la malattia dilaga, garantisce Rutte.

L'estrema destra all'attacco

Oltre a contestare la scelta dell’esecutivo, i parlamentari concordano sul fatto che i genitori che decidono di lasciare i loro figli a casa non dovrebbero essere multati. L’estrema destra di Geert Wilders accusa il Governo di giocare con la vita delle persone. “Prevedo - ha detto - che se si continua così, i Paesi Bassi si ribelleranno”. “Le persone terranno i loro figli a casa. E sarei d'accordo con loro”, sostiene Wilders.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'allarme degli esperti

Alcuni esperti sostengono però che i Paesi Bassi dovrebbero ora adottare misure molto più severe. Frits Rosendaal, professore di epidemiologia presso l'ospedale universitario di Leiden, ha dichiarato che si aspetta che il numero di casi olandesi salirà a 6mila. Rosendaal ha anche detto che si aspetta che venga presa la decisione di chiudere le scuole nei prossimi giorni. L’esecutivo, ha detto, dovrebbe anche vietare i raduni di oltre 20 persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento