In Olanda i morti su strada aumentano, al contrario del resto dell'Ue

Il Paese resta tra i più sicuri ma i dati degli ultimi anni mostrano una controtendenza rispetto al resto d'Europa. I progressi maggiori negli Stati Baltici e in Grecia e Portogallo

Foto archivio Ansa - EPA/NARONG SANGNAK

L'Olanda è uno degli Stati più sicuri per quanto riguarda il traffico stradale, eppure adesso la tendenza sembra essersi leggermente invertita. I Paesi Bassi, insieme all'ormai sulla via dell'uscita Regno Unito, e la piccola Malta, sono in controtendenza nell'Ue per quanto riguarda il numero di mostri sulle strade, che hanno purtroppo visto in crescita.

Italia sopra la media

Lo rivela il Road Safety Performance Index dell'European Transport Safety Council, secondo cui invece gli Stati baltici, insieme a Grecia e Portogallo, sono stati i Paesi con le migliori prestazioni in Europa per quanto riguarda la sicurezza di chi guida. Con una media Ue di 51 decessi ogni milione di abitanti l'Italia si colloca leggermente sopra la media.

Rivoluzione silenziosa

“Mentre i progressi in Europa sono stati delusi negli ultimi nove anni, alcuni Paesi hanno subito una rivoluzione silenziosa in materia di sicurezza stradale”, è stato il commento di Antonio Avenoso, direttore esecutivo dell'Etsc, secondo cui “gli Stati membri dell'Ue dovranno intensificare gli strumenti per raggiungere i nuovi obiettivi per il 2030”. A suo avviso la recente risposta all'epidemia di Covid-19 “potrebbe indicare una via da seguire”, visto che “un forte incentivo ad andare a piedi e in bicicletta nelle aree urbane, combinato con cambiamenti infrastrutturali e limiti di velocità inferiori, potrebbe avere un impatto enorme sulla morte e sugli incidenti stradali”.

Romania e Bulgaria fanalino di coda

Secondo i dati dello studio Francia, Svezia e Germania hanno mostrato progressi deludenti negli ultimi nove anni con solo modeste riduzioni delle morti. La Bulgaria e la Romania rimangono le peggiori in Europa in termini di mortalità stradale e negli ultimi anni hanno anche fatto riduzioni inferiori alla media. L'Ue e i suoi Stati membri hanno concordato l'obiettivo di dimezzare le morti sulla strada nel decennio fino al 2020. Con un anno rimasto fino a quando non saranno disponibili dati completi per l'anno in corso, sembra comunque che tale obiettivo quasi sicuramente sarà mancato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

morti-incidenti-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento