menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa EPA/Zoltan Balogh

Foto Ansa EPA/Zoltan Balogh

Coprifuoco in Olanda, i cittadini corrono ad accaparrarsi cani da passeggio e vestiti da riders

Con i contagi in aumento il governo del dimissionario Rutte ha scelto la linea dura, ma molti olandesi stanno già cercando dei modi per evitare di dover restare in casa ogni sera

I tempi del cosiddetto “lockdown smart” sono ormai uno sbiadito ricordo per i Paesi Bassi. L'Olanda ieri, con un provvedimento che non era mai stato messo i campo dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ha deciso di imporre un coprifuoco dalle 21 alle 4:30 di mattina per arginare la diffusione del coronavirus. Ieri altri 5.857 nuovi casi sono stati registrati dall'istituto di sanità pubblica RIVM, un aumento di 260 sul totale di mercoledì e un'ulteriore prova che le attuali restrizioni non starebbero avendo l'imppatto sperato.

Misura dura

"È una misura molto dura ma siamo a un bivio", aveva dichiarato il primo ministro, Mark Rutte, nel presentare il provvedimento, sostenendo che "la variante britannica non ci lascia alternative". I trasgressori andranno incontro a una multa di 95 euro. Dopo un lungo dibattito in Aula, e un compromesso che ha portato il ritardo dell'entrata in vigore del coprifuoco dalle 20:30 alle 21, la mozione è stata sostenuta dai partiti della coalizione del governo (ormai dimissionario) più il Partito socialista, il Partito laburista, GroenLinks e 50Plus. Hanno votato contro i due partiti di estrema destra PVV e FvD, più il partito cristiano fondamentalista SGP e il PvdD pro-animalista. Nel Paese sono già chiusi, dalla metà di dicembre, le scuole e i negozi non essenziali, mentre già da due mesi prima erano state interrotte le attività di bar e ristoranti. L'esecutivo di Rutte, che si è dimesso la settimana scorsa per uno scandalo legato ai sussidi alle famiglie ma è ancora in carica per gli affari correnti, ha anche stabilito lo stop a tutti i voli provenienti dal Regno Unito, dal Sudafrica e dal Sud America per arginare la diffusione delle nuove varianti del coronavirus. I passeggeri in arrivo in aereo o per mare da altre destinazioni dovranno presentare un secondo test negativo al Covid-19 oltre a quello già richiesto entro 72 ore prima della partenza.

I sotterfugi

La regola più dura per i cittadini resta però quella del coprifuoco e in tanti stanno già pensando a dei modi per aggirarla. Il divieto di uscire di casa prevede infatti alcune eccezioni come le emergenze mediche, le necessità lavorative e le passeggiate per portare il cane fuori. E proprio grazie a queste ultime due eccezione che molti cittadini stanno correndo ai ripari. Come riporta RTL Nieuws in tanti stanno cercando dei cani da portare a passeggio, utilizzando i siti specializzati. “Negli ultimi giorni abbiamo riscontrato un numero impressionante di richieste di cani in prestito”, afferma Jos van Prooijen del sito Match een Leenhond, che mette in contatto i possessori di animali con volontari disposti a dare una mano a prendersene cura quando i padroni non possono. “La domanda da parte dei volontari che vogliono portare a spasso un cane è cresciuta notevolmente, soprattutto negli ultimi giorni. Stimo che le ore serali diventeranno popolari per camminare. Siamo davvero a corto di cani”.

Finti riders

Ma non solo, secondo l'emittente televisiva su Marktplaats e altre piattaforme di compravendita in Olanda, stanno andando a ruba capi di abbigliamento lavorativi come quelli dei riders. Vengono offerti cappotti e borse di servizi di consegna come Deliveroo e Thuisbezorgd.nl. Anche Madou di Amsterdam ha messo il suo nuovo cappotto da consegna su Marktplaats. Con un testo promozionale: "Comodo per il prossimo coprifuoco! Con questi capi Deliveroo puoi stare fuori quando vuoi!".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento